sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Sport > Dama d’oro agli Italiani di “semilampo” per Alessandro Spica e Matteo Fortunato

Dama d’oro agli Italiani di “semilampo” per Alessandro Spica e Matteo Fortunato

A Bergamo, medaglia bronzo per Roberto Tovagliaro

Si è svolta a Bergamo la kermesse dei campionati italiani della dama a cento caselle. I migliori giocatori italiani si sono cimentati nella specialità a “tempo standard”, in cui le singole partite possono arrivare a superare le cinque ore di gioco, nella specialità rapida, altrimenti detta “Semilampo”, in cui le singole partite possono durare fino 30 minuti, e nella specialità ultra-rapida, altrimenti detta “Lampo”, in cui le partite possono durare fino a 15 minuti. A seconda della forza nella specialità i giocatori erano suddivisi in quattro gruppi per ogni specialità, per cui vi erano dodici titoli italiani in palio.

Nel gruppo assoluto del tempo standard, dopo una settimana di gioco, i maestri savonesi Daniele Bertè e Roberto Tovagliaro non sono riusciti a ripetere l’exploit dello scorso hanno, ma hanno dovuto accontentarsi rispettivamente del terzo e quarto posto. Tovagliaro si è parzialmente rifatto nel gruppo assoluto del campionato Semilampo, dove ha conquistato la medaglia di bronzo. Le soddisfazioni per la dama savonese sono arrivate dai ragazzi allenati dal maestro Tovagliaro. Matteo Fortunato, classe 2005, di Varazze, vince il secondo gruppo a tempo standard, e conquista la medaglia d’argento nel terzo gruppo della specialità Lampo. Alessandro Spica, classe 2006, anch’egli di Varazze, vince il quarto gruppo della specialità Semilampo e conquista un argento nel terzo gruppo a tempo standard. Sia Matteo che Alessandro, insieme ad un altro varazzino, Nicolò Turone, tutti minicadetti, faranno parte della nazionale giovanile che, accompagnata dal Maestro Roberto Tovagliaro, parteciperà ai Campionati Europei Giovanili, che si svolgeranno a Varsavia nel prossimo agosto. In sintesi il medagliere di Savona ai campionati di Bergamo è stato di due ori, due argenti e due bronzi. Nelle foto, a destra sul gradino più alto del podio Alessandro Spica, mentre a sinistra Matteo Fortunato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *