domenica, Marzo 24, 2019
Home > Attualità > Danni per il maltempo di dicembre 2017: riaperti i termini per le domande

Danni per il maltempo di dicembre 2017: riaperti i termini per le domande


di Giorgio Siri - 8 Maggio 2018, 14:20

La Giunta regionale ha approvato la riapertura dei termini a favore delle imprese danneggiate dalle avversità atmosferiche, ritenute eccezionali, verificatesi sul territorio ligure nei giorni 10, 11 e 12 dicembre 2017. Da ieri, 7 maggio, e sino al 29 giugno prossimo, potranno essere presentate alla Camera di Commercio competente per territorio le domande per la concessione di agevolazioni previste ai sensi della legge regionale 34/2016.

I destinatari del bando sono le imprese che, alla data delle eccezionali avversità atmosferiche, esercitavano un’attività economica rientrante nel campo di applicazione del Regolamento “de minimis” e che abbiano presentato la segnalazione dei danni occorsi e domanda di contributo nei termini previsti.

L’intervento di sostegno è finalizzato al ripristino delle condizioni di operatività antecedenti l’evento meteorologico e viene concesso sotto forma di prestito agevolato nella misura massima del 100% dell’intervento ammissibile. Il tasso d’interesse è dello 0,5% per una durata massima di 5 anni. L’importo massimo del prestito che può essere concesso è di 200.000 euro.

Divagazioni:

A parte il giusto provvedimento e le legittime richieste dei danneggiati, una domanda continua a rodere e ad arrovellare le menti e andrebbe indirizzata agli esperti  di clima, o presunti tali, che attestano la stretta, sempre più stretta, del “global warming” e dichiarano, ogni anno che passa, che è stato il più caldo, “da sempre”, tante volte viene aggiunto dai media, poi corretto nel più sensato, “da quando vengono misurate le temperature”; ebbene, se siamo così fragili che ogni volta che il clima va un po’ oltre la norma del periodo “global warming” ovvero, riscaldamento globale, si contano danni a non finire, quando il suddetto global non ancora imperversava, episodi di freddo e di “gelicidio” – parola diffusasi recentemente e verosimilmente usata in modo inappropriato e sansazionalistico dai media visto che il termine ha a che fare con un fenomeno specifico di formazione del ghiaccio – dovevano essere all’ordine del giorno e perchè,a quel tempo, non si verificavano tutti questi danni? La risposta è una sola: o i danni non si verificavano e le colture, le apparecchiature, i treni ed i veicoli soffrivano meno il freddo, oppure la “norma” di oggi era “normale” anche prima e se oggi, in Liguria, un limone gela qualche volta, geleva qualche volta anche prima, se no non ci sarebbero limoni oppure ci sarebbero da poco, come la vite che fioriva in Inghilterra nei secoli XI e XII, ma sappiamo che i limoni, da noi, ci sono da moltissimo tempo, tanto che il grande Goethe, innamorato dell’Italia, così fa iniziare una celebre poesia, che egli immagina recitata da un suo personaggio, per descrivere  il nostro Paese: ” Kennst du das Land, wo die Zitronen blühn..” ovvero “Conosci tu il paese dove fioriscono i limoni?”,  o no ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *