martedì, Agosto 20, 2019
Home > Economia > Dati sull'economia ligure

Dati sull'economia ligure

Si è svolto giovedì 17 novembre presso la sede della Camera di Commercio di Savona un incontro avente come oggetto l’andamento dell’economia della Liguria nei primi 9 mesi del 2011. I dati sono contenuti in una pubblicazione , curata dalla Sede di Genova della Banca d’Italia e sono stati illustrati dal Dott. Fabbrini e dal dott. Berretta dell’ Ufficio studi della Banca stessa. L’analisi della situazione ligure è stata preceduta da un’introduzione del Dott. Luciano Pasquale , Presidente della camera di Commercio savonese e della Dott.ssa Letizia Radoni , Direttore della sede di Genova della Banca d’Italia.

E’ stato posto l’accento sulla situazione economica generale a livello nazionale ed internazionale e sulle conseguenti gravi difficoltà del sistema che presenta segnali di declino dal punto di vista strutturale. E’ stata analizzata quindi la situazione dell’economia mondiale ed il suo brusco peggioramento avvenuto a partire dall’estate, con l’eccezione dei Paesi emergenti che continuano a crescere, anche se con una lieve decelerazione. Sono stati esaminati i riflessi che le aspettative di una crescita poco robusta hanno determinato sui mercati finanziari, rendendoli più instabili e volatili, le tensioni sui titoli pubblici registrate dai Paesi dell’area Euro, le conseguenze sulle quotazioni dei rispettivi sistemi bancari , la fuga degli investitori verso i “ beni rifugio”, in particolare oro e franco svizzero, a discapito delle azioni ed obbligazioni e la grossa difficoltà delle banche nella raccolta fondi. Prima di esaminare la situazione ligure si è considerata la situazione nazionale che risente in maniera accentuata del rallentamento economico e delle turbolenze finanziarie con la presenza di un elevato debito pubblico, delle deboli prospettive di crescita ed una dipendenza dalla domanda estera ,in quanto Paese esportatore. Tutto ciò , in un periodo così negativo, risulta comunque controbilanciato dalla presenza di un solido sistema bancario, da famiglie poco indebitate e dall’assenza di significative bolle immobiliari. Si è poi entrati nel vivo del convegno con l’analisi dell’economia ligure. Dal trend che si è manifestato, in relazione sia alle variazioni annuali del PIL, che del numero degli occupati, si può trarre la considerazione che, le tendenze nazionali si ripercuotono in Liguria con ritardo. Se si esaminano i diversi settori ed il loro andamento nei primi 6 mesi del 2011, si può dire che nell’industria ci sia stata una stabilizzazione del livello degli ordini e della produzione, con un incremento per elettronica, automazione, telecomunicazioni, metalmeccanica, siderurgia e con una diminuzione per cantieristica, impiantistica e materiali per l’edilizia. Vi è stato, nello stesso periodo, un incremento delle esportazioni (+22,9%, contro un dato italiano del +15,8%). Per quanto concerne le costruzioni si riscontra un’attività debole, con conseguente diminuzione di fatturato ed investimenti ed una stabilizzazione delle assunzioni. Il mercato immobiliare registra un calo delle compravendite (-5% su base annua) ed una stabilità dei prezzi; le opere pubbliche riscontrano un limitato avanzamento sia dal punto di vista progettuale che della realizzazione. Il settore trasporti ha registrato una diminuzione del traffico portuale (+1,3% su base annua, contro +8,3% nel 2010) e soprattutto si registra una perdita di competitività rispetto agli altri porti ( Mediterraneo Occidentale e Nord Europa). Il commercio evidenzia un rallentamento dei consumi delle famiglie liguri. Il settore turismo, fondamentale per la nostra Regione registra una crescita di presenze (+1,5%) presso le strutture ricettive con un calo dei turisti italiani ed un incremento degli stranieri ( tendenza analoga al 2010) ed una flessione della durata media del soggiorno (3,5 giorni). Un altro dato importante riguarda l’occupazione: si evidenzia una crescita dell’1,7% (Italia:+0,4%, Nord Ovest + 0,4%) che privilegia le assunzioni con contratto flessibile. Il tasso di disoccupazione si attesta al 5,5% (Italia 8,2%; Nord Ovest 6,2%). Per quanto riguarda i prestiti alle imprese , sono aumentati del 2,3% a giugno (+ 4% ad agosto), con un incremento dei tassi sia a breve termine (+6,13%), che a medio e lungo termine (+3,79%). Le famiglie hanno fatto ricorso a prestiti nelle misura del 3,6% a giugno (+4,9% a dicembre), ripartiti in :mutui +3,0%, credito al consumo +0,7% ed altre forme tecniche +10,3% ( es: scoperti di c/c). La situazione non è pertanto buona ed un sistema creditizio che ha dei problemi può svolgere un ruolo importante se abbinato ad iniziative di sostegno . A questo proposito, il Dott. Pasquale ha annunciato che nel 2012, potranno essere erogati prestiti fino a 30000 Euro a piccole imprese neo costituite ( giovani o donne), tramite la Camera di Commercio.

Stefania Scarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *