giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Cultura e Musica > Degustateatro: “Fabrizio De Andre’… E il poeta divenne Immortale”

Degustateatro: “Fabrizio De Andre’… E il poeta divenne Immortale”

Proteo De AndrèAncora un appuntamento, all’Angelicum di Finalpia, con “Degustateatro”, la rassegna che propone la formula apericena+spettacolo organizzata dalla Compagnia gli Amici di Babouche con la collaborazione del Comune di Finale Ligure.

Sabato, alle ore 21, la Compagnia di Proteo presenterà “Fabrizio De André… e il poeta divenne immortale”, commedia scritta e diretta da Ferruccio Masci (apericena ore 20,15 a 15 euro; solo spettacolo ore 21,15 a 10 euro;  per informazioni e prenotazioni telefonare al 349.56.99.332).

 

Lo spettacolo – Note della Compagnia di Proteo

Ricreare un’atmosfera, un groviglio di emozioni profonde, il sapore terribile di una tragedia, un ambiente fisico e psichico straordinario, un’epoca e un topos di esistenze con il sapore dell’essere state e del permanere, un crogiuolo di vita e sogni. Ecco il senso di questo testo teatrale.

Il senso di questo intrecciarsi si esplicita nel corso della rappresentazione, poiché l’intera vicenda si snoda e si riannoda intorno alla figura carismatica di De Andrè. Sarà la magia del teatro che permetterà al poeta cantautore di dedicare e dedicarsi un pezzo musicale che respira l’emozione di un’epoca che sa di per sempre, di “sogno di una cosa”,  per esplodere e meravigliosamente condensarsi nell’eternazione dell’artista. E per questa ragione che il sottotitolo recita “… e il poeta divenne immortale”.

La vicenda si sviluppa, con una certa libertà cronologica, negli anni che hanno visto la scomparsa di Tenco e il tragico e geniale fiorire dell’opera di alcuni maestri della canzone d’autore e non solo.

La morte di Tenco, il comportamento dei media nei suoi riguardi e il modello culturale che consuma e mercifica emozioni in forma di prodotto, generano una reazione collettiva che vuole coinvolgere, oltre ai protagonisti della commedia, quali le prostitute di Via del Campo, le eroine oscure che abitano le canzoni di De Andrè, anche il pubblico in sala, al fine di realizzare una poesia musicale che celebri ed eterni l’arte e il suo autore intorno al quale fiorisce il nostro spettacolo: Fabrizio De Andrè”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *