mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Attualità > Denice: conclusione della mostra collettiva il 14 ottobre

Denice: conclusione della mostra collettiva il 14 ottobre

Rossello presenta il suo nuovo libro, ospite Carlo Speranza


di REDAZIONE - 9 ottobre 2018, 14:57

DENICE. Domenica 14 ottobre, alle 15,30 nell’Oratorio San Sebastiano ci sarà la chiusura della Mostra collettiva d’arti visive: «Denice: tra storia e tradizione» con una quarantina di artisti, su 3 sezioni: Pittura e grafica , Scultura e Fotografia, che è stata promossa dal sindaco di Denice Nicola Papa e dal Consigliere Delegato alla Cultura Elisa Sburlati, attraverso l’organizzazione della scultrice e pittrice Gabriella Oliva con funzioni di curatrice, di Antonio Rossello presidente del Centro XXV Aprile, di Aldo Carpineti capo redattore di Reteluna Genova, della operatrice e promotrice culturale Elisa Gallo, e del noto artista Beppe Ricci, ex sindaco di Orsara Bormida.

Locandina

L’evento, che ha coinvolto l’intera comunità per circa un mese, a partire dal 16 settembre, rientra nella rassegna «Dal Mare alle Langhe», che valorizza il patrimonio culturale e artistico del territorio fra le colline della Langa e il mare della Riviera. Il programma della giornata conclusiva prevede, dopo l’esibizione della corale «Denice-Mombaldone», diretta dal maestro Angelo Ghiglia, la presentazione del libro «Olga» di Antonio Rossello, edito da Montag. Il volume contiene cenni inediti alla storia di Cesare Troia, militare internato nei campi di prigionia nazisti, inoltre immagini di opere di Beppe Ricci e Gabriella Oliva. Ospite straordinario sarà Carlo Speranza, che riceverà in dono la copia di un’opera realizzata da Antonio Gambale, in memoria del compianto padre, Lelio, a lungo vicepresidente nazionale della FIVL e presidente provinciale del CONI di Savona, legato a Denice per antiche vicende familiari risalenti al periodo della Resistenza.

Olga di Antonio Rossello

Descrizione

Un uomo e una donna, protagonisti di un sentimento mancato, a distanza di anni si inseguono in una storia che non concede tregua, in uno scenario che va dal mare, savonese, alle Langhe fino al Monferrato. La loro vicenda non è paragonabile a un amore sincero tra adolescenti, maturato e proseguito nel tempo nonostante le difficoltà e le controversie di grandi eventi caratterizzati dalla guerra e dalla prigionia.

Olga di Antonio Rossello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *