AttualitàCalcioSport

Dentro alle Istituzioni Sportive – Coni: misure preventive e massimo livello di guardia

Cresce l’allarme “coronavirus” in Italia, emergenza dai casi accertati in aumento in Lombardia e Veneto. Situazione che ha delle ripercussioni inevitabili anche sul mondo dello sport con i rinvii nel calcio professionistico (vedi Piacenza-Sambenedettese in Serie C e Ascoli-Cremonese in Serie B) oltre a dilettanti e giovanili nelle zone a rischio, gare annullate pure dal basket al volley fino all’hockey su pista. Netta la posizione del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che da Montalcino ha dichiarato: “Sono in contatto con le autorità che hanno la responsabilità, il diritto e il dovere di prendere iniziative e precauzioni. Faccio riferimento ad autorità governative e in particolare legate alle rappresentanze locali, dove ci sono casi accertati. E quindi se c’è un’ordinanza lo sport si deve assolutamente allineare. Al momento non si profila nessuna controindicazione per le Olimpiadi. Sono in contatto costante con il ministro Spadafora: è chiaro che ci sono competizioni di ogni livello in luoghi dove ci sono questi casi, come dovrebbe accadere nel weekend. Lì lo sport non potrà esserci per ovvi motivi”. Malagò ha inoltre aggiunto: “La cosa migliore è far parlare chi è competente sul tema, ovvero i medici specializzati nel settore. E poi chi ha la responsabilità politica e amministrativa di prendere decisioni”. Per il presidente del Coni nulla è cambiato, almeno per ora, in chiave Tokyo 2020 con i Giochi in programma in estate nonostante il rischio coronavirus: “Sono anche un rappresentante del Cio, al momento non c’è alcuna controindicazione che le Olimpiadi abbiano dei problemi. Sono in contatto tutti i giorni con il Comitato organizzatore e non ho ricevuto alcuna comunicazione di altro genere”.Intanto su indicazione del Governo, Il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Spadafora, ha chiesto al CONI di invitare le Federazione Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva, a sospendere, per la giornata di Domenica 23 febbraio, tutte le attività sportive in programma nelle Regioni di Lombardia e Veneto. Sempre su indicazione del Consiglio dei Ministri il CONI ha invitato le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva, a sospendere per la giornata di domenica 23 febbraio tutte le attività sportive in programma nella città di Torino.Sulle decisioni che riguardano il calcio nell’immediato futuro: “Ci sono degli interessi primari, che sono anzitutto quelli della salute. Sento tanti che si espongono su questa materia, ma l’interesse della salute è primario. Si naviga a vista, non sono io che posso darvi risposte. L’obiettivo, ovviamente, è di ripartire al più presto. Ci sono diverse problematiche, come quella dei calendari, ma oggi sono in secondo piano”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: