CalcioSport

Dentro alle Istituzioni Sportive (Extra) – La ripresa dei campionati : utopia o possibilità reale?

La Lega Nazionale Dilettanti tiene duro e non molla. O forse fa melina, per usare un gergo calcistico. Interpellato in merito al quesito, il presidente Cosimo Sibilia insiste nell’augurarsi la ripresa del campionato. È l’auspicio di tutti, perchè significherebbe la fine dell’emergenza sanitaria. Ma si scontra con la realtà dei fatti, che ad oggi non lascia intravedere grosse speranze circa un ritorno alla normalità in tempi brevi. In ambito sociale, dunque anche in quello sportivo. A maggior ragione in Serie D, dove i rischi verrebbero amplificati da un sistema non in grado di garantire la massima sicurezza dei tesserati. Eppure, dalla pia speranza di ripartire la Lnd non si discosta. «La tutela della salute è al primo posto – premette Sibilia – . Ma restiamo dell’idea, ammesso che ci siano le condizioni, che i campionati vadano completati sul campo. Come ha spiegato anche la Figc, c’è la possibilità di sforare il limite del 30 giugno. Ma, se si potesse riprendere l’attività a maggio, crediamo sia possibile chiudere nei termini previsti». E nel caso fosse impossibile? Le soluzioni si rincorrono: dal congelamento delle classifiche con conseguenti verdetti, alla promozione della prima con blocco delle retrocessioni; dall’istituzione di play off e play out, all’annullamento della stagione. «Valuteremo tutte le ipotesi a tempo debito – risponde il numero uno della Lnd – . Per il momento speriamo di tornare a giocare. Il nostro auspicio è quello di concludere tutto sul rettangolo di gioco. Il destino della stagione è strettamente legato all’evolversi dell’emergenza. E credo sia opportuno aggiungere che, prima di immaginare qualsiasi scenario, sia necessario per tutti riflettere sul grave momento che milioni di italiani stanno affrontando».
E’ stato chiesto a Sibilia se la Serie D si allineerà alle decisioni delle Leghe di A, B e C o godrà di un margine di autonomia: «Ogni componente ha la sua autonomia – ha risposto – e ogni Lega ha le sue caratteristiche. La Lnd valuterà con attenzione ogni elemento a disposizione per formulare le migliori risposte al nostro movimento». Più loquace il massimo dirigente del calcio dilettantistico si è mostrato sulle misure di sostegno necessarie al movimento: «Serve una revisione della Legge Melandri, permettendo di avere un sostegno diretto al calcio dilettantistico. E poi servono coperture per le spese di iscrizione e per le assicurazioni. Senza dimenticare un piano con enti locali e comuni per i costi degli impianti. Il calcio dilettantistico è una realtà che si specchia nel Paese. Se le nostre società chiudono non sparisce solo il calcio, ma in tanti piccoli centri sparisce l’aggregazione sociale, il senso di comunità oltre che l’attività sportiva per centinaia di migliaia di italiani. La realtà della Lnd è complessa, vasta e meravigliosa. Un patrimonio umano e sportivo che va tutelato ad ogni costo».
I rumors al momento riferiscono di una conclusione anticipata dei gironi B, C, e D (che si disputano nelle zone più colpite dal Covid-19) praticamente scontata, mentre per gli altri si valuterà più avanti se portarli a termine o no. Per quanto riguarda i tre gironi di cui sopra, verrebbero promosse d’ufficio le prima in classifica al momento dello stop, mentre le seconde verrebbero inserite in una graduatoria di ripescaggio per completare gli organici in C (dove si prevede una situazione molto critica sul fronte iscrizioni). Si tratta di indiscrezioni e nulla più, dunque da prendere col beneficio d’inventario.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: