CalcioSport

Dentro alle Istituzioni Sportive – Gabriele Gravina (Figc) e i sassolini nelle scarpe

Non le ha certo mandate a dire il numero uno del calcio italiano che a ridosso dell’auspicata ripartenza del campionato di serie A fissata per sabato 28 giugno ha esternato senza se e se ma, al di là dell’abituale diplomazia che lo contraddistingue, segno probabile dello stressante logorio a cui è stato sottoposto per mesi : «La preoccupazione di non ripartire è stata forte, in un mondo dove dobbiamo convivere col mecenatismo e il cialtronismo. Abbiamo dovuto oltrepassare i filosofi dell’ovvio, gli anfitrioni dell’emergenza, i musici del “tutto non si può fare”, i teorici del piano B. Il calcio ha bisogno di rispetto. Ho scoperto tante persone che lavorano in negatività ed è meglio non circondarsene, non faccio nomi ma ho capito da chi guardarmi bene. Sono venuti fuori aspetti chiari, sono venuti fuori i volti di tanti personaggi che ci circondano nella nostra vita di tutti i giorni…». E ancora : “Il calcio ha dimostrato grande coerenza e ne esce rafforzato. Portiamo a casa un grande risultato, siamo però nel momento delicato della programmazione: pronti a ripartire ma vigili, perché sappiamo che i rischi sono sempre molto alti. Quelle passate sono state settimane complicate.Stiamo sempre attenti, perchè anche se siamo in una fase sempre meno complessa il momento cio’ nonostate è delicato: programmare per la ripartenza, con rischi sempre molto alti.Come saranno le partite con il nuovo protocollo?
Abbiamo sempre voluto evitare un piano B, che è comunque strutturale e chiaro ed è inserito in una delibera del Consiglio Federale.In caso di momentanea sospensione della stagione regolare, ci saranno playoff e playout per far sì che ci sia un risultato nel merito sportivo. Se invece ci sarà una sospensione definitiva, si ricorrerà a un algoritmo, che verrà approvato dal prossimo 8 giugno, che terrà sempre conto dei meriti sportivi. Ci sarà la cristallizzazione della classifica, ma con questo algoritmo si proietterà la classifica alla fine del campionato”. A complicare le cose al presidente pare però essere nata una nuovissima polemica. Gravina infatti ha fatto sapere che la Serie A si affiderà ad un algoritmo nel caso in cui ci fosse un nuovo stop, come piano C.”Follia algoritmo”, ha immediatamente titolato in taglio alto “La Gazzetta dello Sport”, schierandosi contro a questa idea e specificando come tale calcolo matematico entrerà in gioco solo se si fermerà nuovamente il campionato.
Non si finisce mai di stupirci e di qui all’auspicata ripresa ne vedremo ancora delle belle.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: