Attualità

Dentro alle istituzioni sportive – Giancarlo Abete è il candidato alla Presidenza Figc

Con decisione unanime Abete è stato scelto da Lega Pro, L.N.D., A.I.C., A.I.A. (vale a dire dalle Componenti Federali), riunite oggi a Roma.Sul suo nome c’è stata convergenza per la grande competenza, esperienza e la capacità dimostrata in passato di saper aggregare le varie anime della Federazione. L’auspicio di tutti i presenti è ora quello di poter avere al fianco nel progetto la Serie A, non coinvolta sinora in attesa della nuova governance, la Serie B e l’A.I.A.C. Proseguirà in questi giorni la raccolta delle firme per la richiesta al Commissario di convocazione dell’assemblea elettiva. Sulla candidatura di Abete ha scelto di convergere anche Gabriele Gravina, che aveva avanzato il nome del funzionario di Stato Vito Cozzoli: Abete, oggi consigliere federale in quota Lega Pro, era inizialmente sostenuto da Sibilia e Tommasi. Sull’idea Cozzoli, il presidente del Coni Giovanni Malagò si era espresso così: “Vito Cozzoli mi ha cercato e quando ci siamo sentiti, mi ha fatto sapere che aveva piacere di comunicarmi il nome della sua candidatura prima di leggerlo sui giornali. Io ne ho preso atto, mi ha detto che è una candidatura che deve avere il carattere dell’unitarietà e io gli ho detto che oggettivamente mi sembra in contraddizione visto che la Lega di A, che conosco bene, non sapeva proprio di cosa stessimo parlando. Questo discorso si commenta da solo. Se si parla di volontà di condividere  – ha spiegato Malago’ all’Ansa – si deve fare a monte, non a valle. Di tutto si puo’ parlare tranne che di unitarietà. Ho sempre detto che ognuno è padrone di fare le scelte e io non ho mai espresso un giudizio pro e contro un candidato – conclude il commissario della Lega di A  – Dico solo che se si parla di candidatura unitaria, lo fermo subito e dico che le cose non stanno così. La Lega di A non sa di cosa stiamo parlando. Penso che il percorso così parta molto male”. Abete, dimessosi insieme a Prandelli dopo l’eliminazione della nazionale italiana al mondiale di Brasile 2014, è stato già presidente dal 2 aprile del 2007 (eletto dopo il periodo di commissariamento diretto da Luca Pancalli) al 24 giugno del 2014. Quattro anni fa, quando Abete si era dimesso, la guida della Figc era toccata a Carlo Tavecchio: fra i due all’inizio i rapporti erano ottimi, poi si erano raffreddati. Abete, uno dei pochi a tenere a bada Lotito in consiglio federale, ha sempre cercato di essere il presidente di tutti e ora tenterà di unire il mondo del calcio, parlerà con tutti, ed è probabile che un buon numero di società di serie A e B passino dalla sua parte. D’altronde, se a fine mese Abete avrà il 70 per cento dei consensi, o forse anche più, chi potrebbe candidarsi contro di lui? Cosa può fare il Coni per fermare la scalata Abete? Fabbricini potrebbe rifiutarsi di indire le elezioni ma Sibilia e c., con i voti a disposizione, andrebbero al Tar. Conviene lo scontro? Fra l’altro calcio italiano, al momento, ha come priorità quello di ufficializzare il nome del nuovo commissario tecnico della nazionale, che sarà Roberto Mancini (Zenit San Pietroburgo permettendo).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: