Il presidente della Figc Gabriele Gravina ha messo le mani sulla “sua” serie C per provare ad evitare il caos totale. Ora ci saranno solo sei giorni per sapere se il Pro Piacenza verrà radiato o meno. Ci sarà tempo fino al 30 gennaio infatti per accertare se la fideiussione per la regolarizzare l’iscrizione al campionato, emessa il 18 tramite Pec direttamente alla Lega Pro e non il 17 come da regolamento, è valida. Fideiussione sostitutiva visto che quella fatta ad inizio agosto era irregolare (scandalo delle garanzie Finworld). La confusione regna sovrana. Si tratta di una piccola ciambella di salvataggio quella lanciata da Gravina che ha disposto il rinvio di tutte le gare in calendario del Pro Piacenza e si è riservato «ogni ulteriore provvedimento qualora perdurasse lo stato di criticità acuitosi negli ultimi giorni». Il Pro Piacenza avrebbe dovuto giocare in casa della Pistoiese, difficilmente ci sarebbe riuscito visti i soli undici giocatori a disposizione. Sarebbe stata la quarta gara non giocata che secondo il regolamento comporta la radiazione. Proprietà in crisi, stipendi e contributi non pagati e maglie ancora troppo larghe nelle norme che dovrebbero garantire la regolarità delle iscrizioni. Risultato? L’ennesimo caso di un club che fallisce a metà stagione. Situazione difficile fin da subito. Un dramma sportivo iniziato in estate con l’arrivo di Maurizio Pannella ad di Seleco (sponsor della Lazio). Società in crisi tanto che già a settembre la nota marca che produce tv ha chiesto il concordato preventivo per evitare il fallimento, che ha ottenuto a inizio novembre. Un filo sottile Domenica è precipitata. Lega e Figc hanno stoppato la sfida con l’Alessandria. Tecnicamente l’hanno rinviata per via di alcuni tesseramenti irregolari che però dopo gli accertamenti del caso sono stati risultati regolari. Lunedì il tecnico Maspero ha dato le dimissioni così come il mister in seconda Mondini, il preparatore atletico Tomarchio e il medico sociale Fichera. Ma c’è di più perché 12 giocatori hanno ottenuto dal Collegio arbitrale lo svincolo d’autorità. Milani ha chiesto la risoluzione, Nava è andato al Rimini, Garofalo e Kalombo a Salerno e Giuliano al Palermo. Altri 8 giocatori sono in sciopero: si allenano ma non scendono in campo. Martedì a guidare l’allenamento di un manipolo di ragazzini della Beretti c’era Gregory Ciampi, ex terzo di Marco Simone ai tempi del Monaco. Tutta colpa dei mancati emolumenti. Al momento risultano in regola solo quelli di luglio e agosto grazie ai contributi annuali forniti dalla Lega Pro. Insieme al Pro Piacenza rischiano anche Matera (ieri ha rinunciato alla gara con il Catania), Cuneo e Lucchese