Sport

Dentro alle istituzioni sportive – Il caos fideiussioni getta nel panico la serie C

La situazione si fa sempre più delicata. Nella giornata di merc.19/12 sono stati infatti accolti i ricorsi di Rimini, Viterbese, unitamente a quello della FIGC, con la costituzione della Lega Pro e l’intervento adesivo di Pisa, Imolese e Vis Pesaro contro il CU del Tribunale Federale Nazionale che aveva eliminato la sanzione di 8 punti e 350mila di ammenda per il ritardo nella sostituzione della fideiussione Finworld, le squadre coinvolte sono Reggina, Matera, Cuneo e Pro Piacenza. Ecco una precisazione importante da parte dell’avvocato Di Cintio: “La questione fideiussioni non è più rinviabile, è una battaglia fondamentale per invertire la rotta del sistema calcio e riportarlo ad essere credibile. Ieri sono stati accolti i ricorsi di Rimini, Viterbese, unitamente a quello della FIGC, con la costituzione della Lega Pro e l’intervento adesivo di Pisa, Imolese e Vis Pesaro contro il CU del Tribunale Federale Nazionale che aveva eliminato la sanzione di 8 punti e 350mila di ammenda per il ritardo nella sostituzione della fideiussione Finworld”. Reggina, Matera, Cuneo e Pro Piacenza con l’intervento adesivo di Arzachena – hanno comunque facoltà di rivolgersi al Collegio di Garanzia dello Sport nei termini di 30 giorni dal deposito delle motivazioni. E comunque per arrivare alla sanzione – che ricordo è solo per il ritardo nella sostituzione della fideiussione e non per l’omessa presentazione – è necessario istruire un nuovo processo. Con le squadre in questione che, nel frattempo, potranno continuare a giocare fino alla fine, fare mercato, salvarsi e, teoricamente, iscriversi anche al prossimo campionato senza aver regolarizzato la loro posizione con il deposito, per la corrente stagione sportiva, di una garanzia con le caratteristiche richieste dalle norme sulle Licenze Nazionali. Ritengo che ieri sia stato fatto un piccolo passo in avanti verso il consolidamento di principi che possano garantire stabilità economica al sistema. Il tempo però continua a trascorrere e così si arriva a fine stagione senza una norma che ci dica quale sanzione va comminata a chi omette – e non solo ritardi- il deposito della fideiussione statutiva. Ora è davvero necessario che su questo fronte provveda il Consiglio federale della Figc che è stato invitato ad intervenire recentemente con una comunicazione ufficiale inviata dal sottoscritto, per conto di assistite dotate di alto grado di solvibilità, che richiedono il rispetto della equa competizione”.ll Consiglio federale non ne parla. Si prevede però il ritorno del format della serie B a 22 squadre, ma mantenendo invariato il numero delle promozioni dalla serie C ed affidandosi eventualmente ai ripescaggi. Dunque non si sostiene più l‘ipotesi legata alle 7 promozioni, inizialmente caldeggiata anche pubblicamente dal presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli. Ma secondo Cesare Di Cintio, avvocato bergamasco che in estate ha seguito per conto della Pro Vercelli tutta la vicenda dei ricorsi sui ripescaggi, è convinto che quella strada sia ancora percorribile. Ed è pronto a una nuova battaglia legale.
“Al momento  – dice Di Cintiio –  non vi è lo strumento, perché la Figc commissariale ha sempre sostenuto che il ripescaggio non esiste e non è normato dalla regole. In effetti non si trova in Statuto e Noif ma ogni anno è stato oggetto di un comunicato che con una modifica della Noif art. 50 (in vigore nella versione commissariale) è stato poi revocato. Quindi, al netto dei contenziosi che oggi potrebbero restituire alla federazione norme esistenti prima degli interventi di Fabbricini, sarebbe necessario una volta per tutte coniare una Noif di rango superiore rispetto al comunicato, che disciplini le modalità di riempimento dell’organico in caso di vacanza“. Ma anche per questo motivo, per Di Cintio ci sono tutte le carte in regola per puntare ad ottenere le sette promozioni dalla Lega Pro. Significherebbe che in serie B andrebbero le prime due di ogni girone, più la vincitrice del torneo playoff generale. Dunque, anche per la Ternana, basterebbe pure un secondo posto per festeggiare subito il ritorno in B. Di Cintio spiega: “Io ritengo che ad oggi sia possibile lavorare sulle 7 promozioni dalla Lega Pro. Con le mie assiste,lavorerò per raggiungere quell’obiettivo perché la promozione da una categoria all’altra al momento è l’unico criterio sportivo e legale oggi contemplato dalle norme sportive. Sarebbe inoltre uno strumento risarcitorio verso la Lega Pro. È chiaro infine che aumentare il numero di promozioni dalla Serie C sarebbe un vantaggio per tutte le pretendenti alla B, ma allo stesso tempo diminuirebbe il danno eventualmente riconosciuto a chi fra le 6 escluse in estate, dovesse riuscire a salire di categoria“.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: