giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Sport > Dentro alle Istituzioni Sportive – In ricordo del grande condottiero Lelio Speranza

Dentro alle Istituzioni Sportive – In ricordo del grande condottiero Lelio Speranza

Sta per decollare la terza edizione della Savona Cup Libertas, il prestigioso torneo intitolato alla memoria dell’ indimenticato Lelio Speranza, un personaggio di levatura nazionale che ha lasciato un vuoto incolmabile, specie nel cuore di chi l’ha tanto amato ed apprezzato. Due anni or sono ne è andato, quasi in silenzio, gettando nello sconforto l’intero mondo sportivo, culturale e sociale non solo della città di Savona, che si vantava legittimamente di aver liberato il 25 aprile del 1945, ma di tutta la regione e oltre. Lelio Speranza, Cavaliere di Gran Croce, presidente per 37 anni del Comitato Provinciale del Coni, vice Presidente Nazionale della Federazione Italiana Volontari della Libertà, presidente dell’Associazione Partigiani Autonomi della Liguria, è stato un personaggio carismatico che ha fatto la storia di Savona e non solo. Quale che fosse il suo ruolo, presidente dell’Istituto storico della Resistenza di Savona o reggente della conferenza permanente delle associazioni d’arma, combattentistiche e patriottiche della Provincia, ne emergeva sempre un alto profilo umano ed istituzionale.Nel 2015 organizzò un importante evento in Prefettura in ricordo del centenario della Grande Guerra. Stimato dirigente sportivo fece parte anche del Consiglio Nazionale del Coni in rappresentanza dei territori provinciali. Ed in provincia si era attivato per la costituzione di nuove società sportive e la costruzione di numerosi impianti sportivi, il primo, la piscina di piazzale Eroe dei due Mondi, chiusa da alcune settimane. Aveva appena compiuto novant’ anni e per l’occasione gli era stato conferito, dal comune di Savona, in una gremita Sala Rossa, alla presenza maggiori autorità sportive, religiose e militari uno speciale «Encomio». Dirigente dell’ Agip, aveva avuto un rapporto diretto con il presidente Enrico Mattei. Per il riconoscimento della sua opera,  gli era stata assegnata la laurea honoris causa in Economia e Commercio dalla Columbia University di New York.L’ultimo discorso pubblico di Speranza è stato nella Sala Rossa quando col professor Pier Franco  Quaglieni (presidente della sezione di Alassio della Fivl e direttore del Centro «Pannunzio») ripresentò la riedizione del libro di Mauri. Il 7 giugno 2017, la sala riunioni della sezione provinciale del CONI di Savona, è stata intitolata a Lelio Speranza alla presenza del Delegato provinciale del CONI, Roberto Pizzorno (formalmente suo successore, in realtà una sorta figlio adottato visti i profondi legami affettivi che li univano),  del Presidente Antonio Micillo, del Sindaco di Savona Ilaria Caprioglio e dell’Assessore allo Sport,  Maurizio Scaramuzza. Recentemente il venerdì 25 gennaio, a cura dell’Isrec-Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea della provincia di Savona ha avuto luogo un incontro dedicato a rievocarne la presenza nella Resistenza a cui hanno partecipato commossi ed orgogliosi i figli Carlo e Anna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *