E’ forse il meno conosciuto, ma senz’altro il più temuto dei nuovi personaggi insediati dopo il Commissariamento. Fino alla sua recente nomina pochissimi nel mondo del calcio sapevano che faccia avesse .Angelo Clarizia, 70 anni, salernitano, giacca rigorosamente blu, camicia chiara, il baffo (bianco) come segno distintivo. Sta affrontando con determinazione le questioni giuridiche delle riforme che la nuova dirigenza della FIGC sta  studiando. L’ultima parola sarà la sua. E dunque: il meno noto degli uomini di potere che proveranno a dare una direzione al sistema-calcio italiano è appunto lui, sub-commissario della FIGC (con Billy Costacurta) nel nuovo corso del neo presidente Roberto Fabbricini. Probabilmente sarà lui l’uomo di polso del tridente calato in campo da Malagò, che si è subito affrettato a sottolineare la bontà della (sua) scelta: “Abbiamo preso il numero uno in Italia, il migliore”. Clarizia è un avvocato molto prestigioso. Ha lavorato per Expo 2015 e il Consorzio Venezia Nuova (travolto dall’inchiesta Mose), ha svolto consulenze per Consip (due milioni di euro). E’professore ordinario di diritto amministrativo alla ‘Sapienza’ di Roma dove è arrivato dopo un lungo e prestigioso percorso accademico: è stato docente nelle Università di Cagliari, Catania, Salerno, L’Aquila e appunto Roma, nonché uno dei maggiori esperti italiani in materia di arbitrati, con particolare riferimento alle controversie in materia di opere pubbliche. L’unico appiglio sportivo noto, tra le tante cariche in oltre quarant’anni di carriera, è il ruolo da giudice sportivo della Figc. Clarizia è stato il grande consigliere di Malagò nella fase più delicata dell’impasse che ha coinvolto a Federcalcio, tra novembre e gennaio, prima che ci fosse il commissariamento.

E’ stato lo stesso Clarizia a definire l’ambito entro cui metterà in gioco le proprie competenze. “Garantisco massimo impegno sotto il profilo della risistemazione degli statuti”. ha detto quando si è insediato in FIGC. Clarizia sarà chiamato a collaborare con altre due eccellenze. Completano infatti la squadra di Fabbricini Massimo Proto, ordinario di diritto privato, e Alberto De Nigro, già presidente del collegio dei revisori dei conti del Coni. Malagò lo ha voluto in FederCalcio, vantandosi della sua squadra e rivendicando le scelte fatte: “Sono tutte persone di altissimo profilo, e che non hanno mai avuto a che fare con la Federazione, per dare una segnale di forte discontinuità”. Anche questo è vero fino a un certo punto. Non avrà avuto rapporti con la Figc, ma di sicuro Clarizia ha già lavorato per il Coni: per Malagò ha curato i ricorsi contro l’arcinemico Paolo Barelli (presidente della FederNuoto, fresco candidato di Forza Italia) e per stoppare la raccolta firme per un eventuale referendum sulle Olimpiadi. Incarichi ovviamente per affidamento diretto, anche se per cifre modeste: 30mila euro in tutto il 2016. E Clarizia in fondo conosce già pure il mondo del pallone, avendo difeso Infront e aiutato Mediaset e Sky a vedersi annullata la maximulta ricevuta dal Tarper la presunta manipolazione dell’ultimo bando sui diritti tv (a proposito: in questi giorni si decide il prossimo). Anche a lui Giovanni Malagò ha affidato la rifondazione del calcio italiano.