Sport

Dentro le Istituzioni Sportive – Il numero uno del Coni Malagò indagato per falso

Probabilmente tutto si risolverà nel giro di dieci giorni una volta verificate tutte le fattispecie del caso, ma proprio non ci voleva questa tegola in un momento così delicato per la Nazione e per il mondo dello Sport. I fatti. La procura di Milano ha aperto un fascicolo d’inchiesta a carico del presidente del Coni Giovanni Malagò. L’ipotesi di reato sulla quale stanno indagando i pm è falso nel verbale assembleare e si riferisce al periodo in cui Malagò, da commissario della Lega di Serie A, doveva presiedere tutte le riunioni dei club. Tra queste, anche quella del 19 marzo 2018, che portò all’elezione per acclamazione quale nuovo numero di via Rossellini di Gaetano Micciché. Questa, nei mesi successivi, ha scatenato numerose polemiche e qualche dubbio sulla sua regolarità. Tanto da portare all’attuale inchiesta della procura milanese. I magistrati, dovranno ora verificare se in questo il reato ipotizzato configuri una responsabilità penale, in quanto nel 2017 la Lega non è stata ‘inquadrata’ come un ente pubblico, ma come un’associazione privata. Nel caso in cui quest’interpretazione dovesse essere confermata, l’archiviazione sarebbe inevitabile. Malagò, che sta trascorrendo qualche giorno di relax a Sabaudia, ha fatto sapere di non essere per nulla scosso da quanto sta accadendo:”Sono assolutamente tranquillo. Tutti sono sempre stati a conoscenza dei fatti che si sono svolti nell’assemblea. È un atto dovuto della magistratura, tutti si chiarirà in breve tempo”. Interpellato sulla ripresa del campionato ha infine aggiunto :”Il calcio e’ stato molto bravo a perseguire gli obiettivi con determinazione e abnegazione, devo dargliene atto. E a farlo senza cercare di aggirare gli ostacoli”.Forza Presidente, aggiungiamo noi, completamente convinti dell’infondatezza delle accuse a suo riguardo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: