lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > “Dia Day”, campagna a prevenzione del diabete: Savona aderisce

“Dia Day”, campagna a prevenzione del diabete: Savona aderisce

Sono l’ottanta per cento delle farmacie, nella Provincia di Savona, ad aver aderito al “Dia Day”, una campagna di comunicazione e di prevenzione sul diabete, insieme col resto della Liguria, che si pone, fra le regioni italiane, fra quelle che di più hanno partecipato! La campagna è promossa da Federfarma – la Federazione nazionale dei titolari di farmacia – col patrocinio del Ministero della Salute e degli organi parlamentari.”La prevenzione è l’arma numero uno che abbiamo per stare in salute e su questo tema dobbiamo lavorare moltissimo sia attraverso la promozione dei corretti stili di vita, sia attraverso le diagnosi precoci» ha ricordato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin «per questo è importante l’iniziativa che ha assunto Federfarma, con questa settimana sulla prevenzione del diabete, che risulta essere pienamente all’interno degli orizzonti e della missione data alle farmacie italiane dal Ministero». Il programma di screening del diabete è iniziato il 14 novembre e, sino al 20 novembre, coinvolgerà 7.600 farmacie in tutta Italia. Da domani comincerà a essere trasmesso sulle reti Mediaset, per un totale di 73 passaggi, lo spot che ha per protagonista l’attore e doppiatore Pino Insegno e per slogan l’hashtag della campagna, #bastaundito. Noi ne abbiamo parlato col Dottor Paolo Corte, titolare della farmacia San Francesco, in corso Tardy e Benech, angolo via Giusti, a Savona, una delle farmacie più antiche della città – il dottor Corte appartiene ad una famiglia di farmacisti – un tempo in via Pia, si trasferì negli anni 1950 in via Serao, per coprire aree cittadine mancanti del servizio e che si stavano espandendo e, ai primi anni 1980, nella sede attuale.
Il dottor Corte tiene a sottolineare l’importanza della campagna:”In Italia sono fra un milione ed un milione e mezzo i pazienti affetti da diabete ed i soggetti a rischio – ci spiega il dottor Corte – la campagna ha lo scopo di individuare il paziente inconsapevole tramite screening fra tutti coloro che desiderano sottoporsi ad un semplice prelievo.”
“Un autoprelievo – continua il dottor Corte – sotto l’assistenza del farmacista a costo “0” per il cittadino e per lo Stato, completamente a carico delle farmacie che hanno aderito e delle aziende che hanno sostenuto il progetto.
Il breve esame prevede non solo la misurazione della glicemia ma anche di altri fattori di rischio che, aggregati insieme, possono rivelarsi utili indicatori per evidenziare l’insorgenza della malattia. Il referto ottenuto, che rimane rigorosamnete anonimo, viene consegnato all’interessato che, nel fondamentale passo successivo, lo esibirà al medico di famiglia,perchè lo possa esaminare e commentare con lui; la farmacia non deve infatti sconfinare nel campo medico. L’insieme dei dati raccolti, sempre sotto l’assoluto anonimato, verrà raggruppato elettronicamente ed inviato, a scopi statistici, al Ministero della Salute.”
“Presso la nostra farmacia – precisa ancora il dottor Corte – i prelievi verranno effettuati in un locale polifunzionale che abbiamo a disposizione, in perfette condizioni di igiene, per le autoanalisi di prima istanza e che offre anche la possibilità, alle giovani mamme, dell’eventuale pulizia e cambio di pannolini e biancheria per i neonati”.
“L’iniziativa è estremamente valida – tiene ancora a sottolineare il dottor Corte – perchè finalmente pone di nuovo la Farmacia al centro del sistema sanitario, come primo accesso, primo presidio di salute, sul territorio.
Dopo anni in cui si è assistito a campagne persino denigratorie sul ruolo del farmacista, l’iniziativa indirizza l’attenzione su di una categoria professionale, quella dei famacisti, che vanta una dignità professionale che, in ogni caso, non si è mai persa!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *