venerdì, ottobre 19, 2018
Home > Attualità > Diario di un concorsista, alla ricerca del “posto fisso”

Diario di un concorsista, alla ricerca del “posto fisso”

La lettera di un savonese partito alla volta di Roma. Una sintesi dei sogni di molti.


di Redazione - 9 agosto 2018, 20:49

Oggetto di scherzo anche di un celebre film di Checco Zalone, il “mito del posto fisso” è più vivo che mai. E spesso viene anche un po’ considerato come “roba da vecchi” o per chi non ha voglia di mettersi in gioco. La verità è che il posto fisso è, per la stragrande maggioranza delle persone, quell’aspetto della vita legato alla sfera economica che influenza più di tutti le sfere sentimentali. Farsi una famiglia, poter aiutare la famiglia. Programmare il futuro. Dopo la lettera ricevuta da un “Carneade” degli stage (clicca QUI), ho accolto con piacere un altro scritto pervenuto alla nostra redazione. Questa volta, il protagonista è un concorsista. Uno di quelli che si fanno dei kilometri per tenere acceso un lumicino, che magari pensano anche di meritarselo un successo. Ma che cadono nello sconforto quando si rendono conto che altre migliaia di persone si trovano nella loro stessa condizione. La lettera che proponiamo oggi racconta tutte le peripezie che un concorsista incontra e svela bene l’alternarsi di emozioni e di pensieri che si avvicendano nella testa, i rapporti umani e, forse, anche un innamoramento, fugace proprio come il sogno del “posto fisso”. Un racconto scritto a fiume, che abbiamo lasciato volutamente nella versione originale. (Michael Traman)

 

“Il mito del posto fisso”, potrebbe essere intitolata così una nuova corrente filosofica o
movimento culturale degli anni 2000. In realtà, nei fatti, rappresenta quella sola
trasposizione di una idea, forse l’unica, che come già nel passato riesce a dare all’uomo
medio attuale quella tranquillità opposta all’instabilità totale che lo circonda. Da anni si attendeva speranzosi e trepidanti l’indizione di concorsi e bandi pubblici che
potessero finalmente soddisfare questa voglia di stabilità che un po’ tutti cerchiamo e
raramente troviamo. Così quest’anno ‘cum summa gaudio’, come avrebbero detto i latini, abbiamo appreso la notizia che come un effetto domino forse figlio di turnover causato anche da fattori anagrafici molti enti pubblici hanno cominciato, anzi, hanno ricominciato, la ricerca di personale tanto da stimolare e destare “quell’orda barbarica” di concorsisti che era lì in attesa da anni, quasi in dormiveglia. Mettendoli in stato di allerta pronti a partire come truppe di un esercito alla conquista di una terra promessa. Chi scrive queste righe è uno di questi improbabili soldati, uno che tra maggio e giugno ha quasi fuso la tastiera di un PC e intasato la propria casella mail di registrazioni al solo scopo di veder inserito il proprio nome in elenchi infiniti di soggetti di pari grado e, in special modo, di pari speranze. Come mi chiamo e cosa faccio non interessa perché in fondo l’essere uno dei tanti è quel fattore che ci unisce tutti in tali frangenti , non c’è il concorsista giovane, quello vecchio o quello di mezza età, come non c’è il nubile o il padre di famiglia, la donna sposata e quella in carriera, c’è una buona parte di Italia tanto diversa ma allo stesso tempo tanto ugualeEcco, l’unica differenza che si potrebbe fare è geografica e ciò non in riferimento a tanti vecchi pregiudizi politici e culturali ma solamente di vicinanza con il luogo ove cui si svolge il tanto sognato concorso che nella maggior parte dei casi è Roma perché un conto è partire da una decina di kilometri ed un altro è farsene più di 900 a tratta solo per mettere una sessantina di crocette su un elaborato a risposta multipla, ed io come starete già capendo faccio parte di questo secondo gruppoMentre scrivo queste righe a Roma, molte miei colleghi staranno esaurendo la propria fatica, questa settimana infatti è andata in scena una, se non la prima, di queste battaglie cognitive indette forse dall’istituto pubblico a cui noi italiani guardiamo con più speranza e in cui allo stesso tempo riponiamo scarse attese ovvero l’I.N.P.SQuello che mi appresto a scrivere è perciò il racconto di una breve giornata , di 24 ore che mi hanno visto fare il giro di 2/3 di Italia per ritornare al punto di partenza quasi si partecipasse ad un gioco in scatola peccato che in questo caso la pedina sia stato il sottoscritto. Ecco la mia personale “Odissea”. Ore 5 e 15 del mattino, nella stazione di Piazza Principe a Genova , a bordo di un treno al binaro 14 che in 5 ore e 15 minuti mi porterà nella mecca dei
concorsi, nella città del Cupolone, ovvero Roma. L’umore e lo stato delle 5 e 15 non possono che essere quelli di colui che si pone una semplicissima domanda, ma chi me lo ha fatto fare ?! Ma visto che la fatica di
svegliarmi oramai l’avevo fatta e avendo tra l’altro già pagato il biglietto io su quel treno
ci sono salito. La prima riflessione e scelta che attanaglia un concorsista di fuori è
la corsa alla scelta del mezzo migliore e più a buon prezzo che possa fare al caso singoloNel mio caso questa volta dovevo solo pensare a questo perché per una volta la sorte mi aveva premiato con un orario pomeridiano e pertanto non si necessitiva almeno in apparenza di sosta obbligata in albergo. In tutto ciò la scelta migliore mi era
apparsa il treno perché nel calcolo tempo/prezzo alla fine era quello che mi dava maggiori garanzie al riguardo. Perciò eccomi sul Freccia Argento direzione Roma. Di quel viaggio mi ricordo poco se non di aver lottato all’inizio con il sedile per trovare la posizione più comoda per provare a schiacciare un pisolino salvo poi, nei pressi di Pisa, essermi svegliato e con calma olimpica essermi portato nel vagone bar per prendere il primo caffè di una giornata che si preannunciava lunga. Il mio pensiero principale in quelle restanti ore di viaggio a dir la sincera verità fu quasi totalmente incentrato a pensare se e come potessi farcela a prendere il treno delle 19 e 45. Perché di un concorso sai per certo a che ora ti devi presentare ma non di certo a che ora finirai. E di rimetterci i soldi del biglietto e dover prendere in considerazione di fermarmi una notte a Roma o viaggiare con un treno che mi avrebbe riportato 8 ore dopo a casa ammetto che non ne avevo per niente voglia.
Così, con questa sensazione di fastidio, aprii il mio zainetto e mi feci qualche esercizio.
Nel frattempo. sulla rete, notoriamente sempre attiva. uscivano i primi commenti dei miei colleghi che avevano sostenuto la prova del mattino, notizie tutto sommato positive
specialmente per i tempi perché i cellulari non dovevano essere depositati fuori ma solo spenti durante il test senza quindi aggravio di code e tempi morti per coloro che
dovevano scappare in stazione. Ero, come altri miei colleghi, venuto a sapere come sarebbe stata la fisionomia del test: esso era fatto di 60 quiz a risposta multipla con una durata di un’ora, fatto su materiale cartaceo e non con dispositivo telematico perchè va bene la tecnologia ma se questa alla fine è come l’ultima volta fattore solo di confusione ritardi ecc… allora va benissimo la buon vecchia carta e penna. Così tra un quiz di inglese e uno di informatica eccomi giunto nella stazione Termini di Roma, con l’angosciante scoperta che messo un piede a terra e tastata l’aria di quel giorno della capitale ho capito che sarebbe stato una giornata da bollino rosso. Fortunatamente Termini come stazione è immensa e al piano di sopra la cosidetta Terrazza è una zona totalmente condizionata e piena di luoghi di ristoro. Così, fatta la scelta su quello che più mi attirasse, piantai la mia ideale tenda lì.
Con il tempo che avevo davanti non aveva senso andare a prendere una botta di caldo
nel piazzale antistante la Fiera perciò eccomi con una brioches romana (tipicamente di
dimensione XXL) una spremuta e un caffè allietare il tempo facendo ancora qualche
quiz, senza però stancarmi troppo il cervello perché con l’esperienza e non essendo più
di primo pelo anche il cervello si stanca facilmente e quello che doveva fare dalle ore
14 e 30 era il vertice di 3 settimane di studio perciò non potevo permettermi passi falsi
almeno non questo. Eccomi allora  più o meno alla mezza e con il mio zainetto sulle spalle uscire da quella confortevole dimora fatta di aria condizionata e iniziare la mia lotta contro l’afa romana, avversaria quel giorno più che mai agguerrita. Dato che nella vita non può esserci mai nulla di troppo semplice, il mio viaggio alla fiera si articolava prima in una tappa in metro fino a Tiburtina e poi treno fino alla Fiera. Fino alla stazione di Tiburtina il mio viaggio era stato in solitaria quasi il mondo in quel giorno viaggiasse a sé ed io in una dimensione parallela. Ma da Tiburtina ecco spuntare fuori tutti quei soldati di cui prima accennavo come avvessero scelto quella stazione ferroviaria del centro di roma come base di reclutamento. Il concorsista, sia esso uomo o donna, si contraddistingue da uno sguardo che svaria dallo stralunato al terrorizzato, adora portarsi con sé fogli di improbabili appunti , su cui sviluppa calcoli degni della progettazione della bomba h e grafici degni di report di aziende internazionali.  Siamo simili ma non tutti uguali; c‘è così quello che concentratissimo preferisce farsi i fatti suoi e c’è il secondo tipo , come me, che dopo 8 ore di silenzio parlerebbe anche con i muri e buttata lì una banale richiesta di informazioneQuello che mi piace ancora ritrovare in concorsi del genere è quella caratteristica umane nei più di capire che si è, chi più chi meno, sulla stessa barca e tolto quelli che capisco vedano in un concorso una gara perciò ‘mors tua vita mea’ altri si lasciano andare a gesti di inusuale generosità , il bello di essere persone normali. I discorsi pre test sono quell’adorabile tradizione come può essere il Natale, cioè una certezza, c’è quello che ti critica il posto perché avantaggia la gente del centro Sud, c’è quello che ti critica l’eccessiva matematicità del test a svantaggio di coloro che hanno
effettuato corsi umanistici, c’è quello immancabile che ti dice tanto poi i posti saranno già stati assegnati da qualche oscura mano burocratica però allora non si capisce che cosa ci facesse lì, che dire noi italiani siamo sempre troppo pittoreschi ma siamo forti anche per questo. Nel mio piccolo conosco una ragazza di Torino più grande di poco di me, anche lei giurisprudente e in più ex avvocato (perché ora cancellata dall’albo), la quale comincia a raccontarmi le sue passate esperienze di concorso ed io a raccontarle le mie.
Lei è simpatica e poi come me ha quale sua più grande paura non quella di non passare
il test ma di perdere il treno del ritorno, alle 18 e 45, perciò nel rincuorare lei mi rincuoro un pochino anche io, così eccomi compiere l’ennesima scelta della giornata, ho scelto lei, sarà il mio compare della odierna Campagna romana. Scesi dal treno i cancelli sono già aperti percorriamo abbastanza velocemente il tunnel che porta ai padiglioni scherzando su quanto dovremo volare al ritorno per prendere il treno, lei ha un piccolo intoppo al passare la domanda agli stalli ed io che tanto non avevo fretta la aspetto. E’ troppo fondamentale avere una minuscola valvola di sfogo umana e io la mia non me la lascio scappare.
Arriviamo al nostro padiglione ci fanno pure sistemare vicini, per la prima volta i posti
non prefissati bastava arrivare insieme per finire vicini, strano ma pur vero. Il test inizia alle ore 16,00 e di quello ricordo ben poco, tanta concentrazione e il tempo che fugge via, puoi prepararti facendo mille quiz ma non potrai mai essere preparato per essere in quelle condizioni, alle 17,00 precisi il mio compito mi viene ritirato, le sensazioni non sono ottime ma ho dato tutto il cervello ha zero di batteria e le scelte che ho fatto le condivido anche quelle sbagliate.
Ecco ora iniziare la cosa più temuta il ritorno verso casa anzi verso la prima tappa
stazione Fiera di RomaMi sembrava troppo bello e io diffidente come sono mi aspettavo da un momento all’altro la fregatura, erano le 17 e 20 e noi stavamo aspettando il treno per tiburtina Lei ed io per Trastevere.
Il treno prima non lo vediamo ma siamo in stra anticipo per quello dopo atteso per le
17 e 35, perciò pazienti ritroviamo un ragazzo di Caltanissetta che avevamo conosciuto sul treno dell’andata e parlando del più del meno si fa l’ora fatidica ma il cartellone della stazione non indica nulla, sale un principio di preoccupazione io per cercare di sedarla subito disturbo telefonicamente un mio amico ferroviere e dandogli il numero del treno veniamo a scoprire essere stato soppresso ecco lì che la leggera preoccupazione si trasforma in paura specialmente nella mia compare.
Il treno dopo è infatti alle 18 e 05 e noi li in stazione siamo diverse migliaia ci aspetta
una lotta per un treno che non sappiamo neanche se arriverà. Quella che arriva è la polizia ma non serve per i nostri propositi, il treno delle 18 e 05 non viene segnalato e alle 18 e 10 non sappiamo ancora nulla. Ecco questo che vado a raccontare è la cosa che più ha lasciato in me un ricordo triste,
l’essere lasciati in balia di noi stessi, nel momento più duro della giornata nella più
totale incoscienza di cosa ci aspettasse.
Il treno arrivò alle 18 e 15 e l’orda barbarica che vi salì sopra di umano avevo poco,
spintoni, calci , astuzie per lasciare indietro qualcun altro, anche noi non siamo stati da
meno ed in fatti su quel treno alla fine siamo saliti. Le stazioni successive più che fermate apparvero bolge infernali, insulti, improperi a
quelli che provavano a salire, reciproci poi nei confronti di quelli che ostruivano l’ingresso, oramai era un tutti contro tutti. Più che su un treno sembrava di essere su una nave che affondava dove tutti erano pronti a tenersi il posto migliore per salvare la pelle, la mia compare nel frattempo avevo perso ogni
speranza di prendere il suo treno la mia che sembrava certezza stava diventando paura,
vera. Avrei dovuto scendere a Trastevere e prendere un treno da lì ma la mia fiducia nei treni locali romani per quella giornata era cessata perciò sulla scorta di alcuni compari di sventura accettai il consiglio di arrivare ad Ostiense per prendere da lì la metro. A Trastevere persi il ragazzo di Caltanissetta, ma maggiore perdita fu scoprire che
anche la mia compare con la C maiuscola oramai si era fatta risucchiare dal vortice di
persone del treno senza che potessi salutarla un ultima volta, senza poterle neanche chiedere nome e cognome non tanto per secondi fini ma per dare un nome ad un volto e una persona che comunque era stata fondamentale nelle mia giornata ma non c’era tempo per lasciare spazio ai pensieri c’era solo da correreArrivato ad Ostiense mi catapultai nella metro e con qualche fatica per via del pagamento riuscii a farmi il biglietto e finalmente arrivare a Termini, erano le 19 e 20 il mio treno non aveva ancora un binario ed io potevo dire CE L’HO FATTA. Ora ciò che mi rimane da raccontare è di una cena su una panchina della stazione, letteralmente fagocitata e di un treno puntuale che con partenza ore 19 e 45 mi riportava a Genova alle 23 e 40 ove ad attendermi vi erano quegli angeli di babbo mamma che mi erano venuti a prendere per portarmi ad un’ora decente nella mia Savona evitandomi di prendere l’ennesimo treno.
Quella che mi resta da dire pertanto sono solo le considerazioni su questa folle giornata iniziata prima delle 5 e 15 che mi ha visto far ritorno a casa dopo le 23 e 40.
Sinceramente se uno mi chiedesse ora se lo rifarei la mia risposta sarebbe si, e lo dico
nell’attesa di sapere gli esiti e con la sensazione di poter fare meglio, però nella vita si dice che l’importante è crederci sempre e malgrado, nonostante alla fine abbia speso all’incirca 100 Euro , percorso più di mille km in treno tralasciando stress, paura e mille altri sentimenti della giornata però non avevo nulla di cui rimpiangere e su cui recriminare quella notte infatti di lunedi malgrado il caldo dormii molto più serenamente di altre sere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *