giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Cronaca > Diocesi di Savona in lutto, è morto don Luigi Ghigliazza

Diocesi di Savona in lutto, è morto don Luigi Ghigliazza

La diocesi piange la scomparsa del decano dei sacerdoti savonesi: nella notte di ieri si è spento presso la clinica Rossello di Savona, dove era ricoverato, don Luigi Ghigliazza, 95 anni. I funerali, celebrati dal vescovo Vittorio Lupi, si svolgeranno domani alle 16.30 nella chiesa di san Giovanni in san Domenico in via Mistrangelo a Savona.Nato a Cogoleto il 20 marzo 1918, don Luigi completò il proprio percorso per diventare sacerdote proprio nei difficili anni della guerra: suddiacono il 30 maggio del 1942 e diacono il 19 dicembre dello stesso anno, fu ordinato presbitero il 10 aprile del 1943.

 

Quindi ricevette incarichi come viceparroco prima a Cogoleto (1943) e poi a Savona (1944) proprio nella parrocchia dove verranno celebrate le sue esequie. Nel 1962 fu nominato direttore dell’allora Ufficio diocesano per il cinema e lo spettacolo, quindi il 10 maggio del 1964 ricevette il primo incarico come titolare di una parrocchia, a Calice Ligure. Due anni dopo, il 10 gennaio del 1964, fu trasferito come parroco ad Albisola Superiore dove rimase per ben 26 anni ricevendo nel frattempo anche altri incarichi. Nel ’70 fu membro del Consiglio diocesano di amministrazione e nel 1974 presidente della Commissione diocesana per l’assistenza nonché economo spirituale di Ellera. Dal 1976 fu anche nominato Vicario foraneo per la zona delle Albisole. Nel 1991 gli fu conferito il titolo di “parroco emerito” con revoca degli incarichi ministeriali e nel 1993 divenne cappellano della chiesa di via Guidobono a Savona che ospita la Confraternita dei santi Giovanni Battista, Evangelista e Petronilla. Fu inoltre assistente diocesano della Società “San Vicenzo de’ Paoli” e, più recentemente, cappellano presso le “Figlie di N.S. della Misericordia”.Don Luigi Ghigliazza è stato una figura importante per la diocesi savonese, anche nei suoi ultimi anni di vita: latinista, amante della musica e di Manzoni, armato di arguzia e saggezza, all’incontro con Papa Benedetto XVI, 17 maggio 2008, si presentò al Pontefice come “un umile operatore della vigna” ricevendo in cambio uno sguardo profondo che gli raggiunse il cuore. Sempre molto lucido e attivo, nonostante l’età avanzata e qualche problema di salute, per il Natale del 2011 mandò in stampa il suo terzo libro “Scampoli – ricordi della mia vita” (L Editrice) e in un’intervista pubblicata su Il Letimbro (dicembre 2011) proprio sulla sua ultima fatica letteraria disse che quella pubblicazione era un modo per “ringraziare Dio di avere ancora il cervello in ordine, con tutti i suoi neuroni a posto, grazie anche alla coltivazione della memoria, attraverso la lettura di libri e giornali”. Proprio nel libro autobiografico si ricostruisce la storia del futuro prete, a partire dalla sua infanzia a Cogoleto, il tutto condito da aneddoti, riflessioni, meditazioni e dalla sagace ironia che ha sempre contraddistinto don Ghigliazza. Instancabile promotore di iniziative, per lo scorso Natale fece stampare e distribuire numerose cartoline-immaginette tratte da un quadro del pittore vadese Renzo Bonfiglio raffigurante la Madonna di Misericordia, a cui don Luigi fu sempre molto devoto. Ancora a Il Letimbro, nel dicembre 2012, dichiarava a riguardo: “Oltre che Mater Misericordiae, questa affascinante raffigurazione della Madonna richiama Mater Amabilis, un epiteto mariano forse un po’ trascurato, ma proprio della Vergine e molto calzante. Nel mio apostolato occasionale fra quanti incontro qui all’Istituto o per le strade, nei bar, negli uffici, quando scendo in città, vedo che la gente è affezionata alla Madonna. Io chiedo agli interlocutori casuali: ‘Tu vuoi bene alla Madonna?’ La risposta è sempre sì. Allora do loro un piccolo rosario o l’immaginetta, invitandoli a pregare la Vergine con almeno una decina di Ave Maria al giorno. Nessuno rifiuta, tutti ringraziano. Tutti vogliamo bene alla nostra Mamma che è in Cielo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *