martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Cronaca > Domani a Calice Ligure si ritrovano le Confraternite diocesane

Domani a Calice Ligure si ritrovano le Confraternite diocesane

Si terrà a Calice Ligure il trentaseiesimo Raduno diocesano delle Confraternite di Savona-Noli. L’appuntamento, che si svolge ogni anno in una diversa località, promosso dal Priorato diocesano delle confraternite, è per domenica 20 maggio. Alle 14.30 il ricevimento delle rappresentanze seguito alle 15 dall’incontro col vescovo Vittorio Lupi nell’oratorio di san Carlo Borromeo.

Quindi, alle 17, la tradizionale processione con gli artistici crocifissi per le vie del borgo dell’entroterra finalese, corteo sacro che si concluderà nello spiazzo davanti all’oratorio e alla chiesa parrocchiale di Calice. Ultimo atto ufficiale dell’evento la consegna degli attestati di partecipazione alle diverse confraternite. Seguirà infine un rinfresco per tutti i presenti alla manifestazione. Dopo il raduno regionale di Riva Ligure, il 29 aprile scorso, le nostre confraternite sono quindi impegnate in un altro grande appuntamento, anzi l’appuntamento tradizionalmente più importante per la diocesi di Savona-Noli.“Un momento di festa per tutte le confraternite, occasione di incontro, di riflessione e di preghiera – spiega il priore diocesano Milly Venturino – quest’ anno saremo ospiti della confraternita di san Carlo Borromeo, da poco rinnovata, dopo parecchi anni, assieme a quelle di Vene, Rialto e Carbuta, nell’ estremo limite della diocesi verso Ponente”.  Insomma la scelta di svolgere il Convegno nell’entroterra del Finalese, peraltro dopo molti anni, non è casuale: grazie anche alla disponibilità dei confratelli di Calice e del parroco don Renato Schiappacasse, l’evento vuole infatti testimoniare la straordinaria rinascita di molte confraternite della zona. “Questi sodalizi stanno vivendo una primavera rifiorente, sebbene piccoli sono desiderosi di rinnovamento e di intraprendere il cammino confraternale con nuovo vigore ed entusiasmo, da qui l’invito ad una numerosa partecipazione nostra per incoraggiarli e sostenerli – prosegue il priore Venturino – siamo un grande famiglia con pregi e difetti, ma se viviamo e operiamo in comunione, lasciandoci guidare dallo Spirito Santo sapremo accogliere con gioia e gratitudine nuovi membri”. “Con forza vogliamo affermare che i confratelli non sono solo quelli innamorati dei Crocifissi e delle Processioni – conclude – ma che desiderano essere riconosciuti anche come lievito della nuova Evangelizzazione, come risorsa della Chiesa nella società attuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *