venerdì, Novembre 22, 2019
Home > Musica > Domani a Finale Ligure “Urban Bodies”

Domani a Finale Ligure “Urban Bodies”

Fa tappa anche quest’anno a Finale Ligure il Festival internazionale di danza in paesaggi urbani “Corpi Urbani/Urban Bodies” organizzato dall’Associazione Artu (Arti per la rinascita e la trasformazione urbana) e arrivato all’undicesima edizione. Dopo l’apertura in programma al Museo di Villa Croce a Genova, il Festival sarà domani a Finale Ligure con cinque spettacoli gratuiti di danza moderna sul lungomare e nelle piazze del rione Marina, realizzati con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune. I primi ad esibirsi saranno i ballerini spagnoli Eulalia Ayguade e Nicolas Ricchini, che presenteranno in piazza san Giovanni Battista la coreografia “Incognito”, ricca di ritmo ed emozioni (ore 17).

Alle 17,30 gli artisti svizzeri della compagnia Jòzsef Trefeli proporranno sul lungomare “Jinx 103” (ore 17,30). In molte lingue quando due persone dicono la stessa cosa simultaneamente, per pura casualità, c’è una parola che bisogna dire in fretta per sconfiggere la sfortuna: i francesi dicono “chips”, gli inglesi “jinx” e gli ungheresi “103”. “Jinx” e “103” sono le due parole “talismano” che danno il titolo allo spettacolo. La passeggiata a mare ospiterà anche “Solo in coppia”, con gli italiani Guendalina Di Marco e Adriano Fontana, protagonisti di una performance che esplora le divergenze tra il maschile e il femminile, la solitudine e la condivisione, il concetto di unico e molteplice (ore 18). Ancora sul lungomare andrà in scena “Fallen Thoughts”, con la compagnia belga Studio Eclipse (18,30). Il pubblico sarà seduto attorno a un albero e su quel’albero ci sarà vita. Come un gioco in aria, le figure delle danzatrici compariranno e scompariranno, cadranno ma resteranno sospese. In questo spettacolo la realtà è guardata da un’altra prospettiva, dall’alto in basso, a testa in giù. “Fallen Thoughts” simboleggia tutto ciò che cade, che si lascia andare: i pensieri, le persone, le situazioni. Conclusione alle 19 in piazza Vittorio Emanuele con il Dance Group dell’israeliana Dana Ruttenberg in “Private I’s”. Il filo conduttore è la “ricerca di un eroe part-time”. Le caratteristiche? “Preferibilmente un uomo. Preferibilmente flessibile. Esperienza necessaria. Autorizzato a manovrare macchinari pesanti. Il candidato deve avere pieno controllo di sé e contegno professionale. Il lavoro è immediato”. “Il festival valorizza lo spazio urbano e invita alla scoperta del territorio attraverso l’arte della danza contemporanea – spiegano all’associazione Artu – convogliando la memoria storica e la quotidianità dei luoghi a una nuova visione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *