Cronaca

Don Domenico Calcagno potrebbe tornare a Savona

Monsignor Domenico Calcagno, don Domenico per tantissimi Savonesi potrebbe tornare a Savona. Papa Francesco, infatti, ha accolto le sue dimissioni, per raggiunti limiti d’età, da presidente dell’Apsa (Amministratore del Patrimonio della Santa Sede), incarico ricevuto il 7 luglio del 2011 a seguito delle dimissioni di monsignor Attilio Nicora di cui era, dal 7 luglio 2007, segretario. dello stesso dicastero, assegnando il prezioso incarico a monsignor Nunzio Galantino, già segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana.  Domenico Calcagno, vescovo emerito di Savona-Noli, e con grandi amicizie in città, ora, che è stato messo in “pensione”, potrebbe trasferirsi a Savona, diocesi che ha governato dal 2002, suo ingresso il 17 marzo, vigilia della Festa patronale di Nostra Signora di Misericordia. Nel 2008 si era prodigato, con successo, per l’arrivo di papa Benedetto XVI a Savona, collaborando con il suo sostituto a Savona, monsignor Vittorio Lupi, anch’esso emerito di Savona. Domenico Calcagno è nato il 3 febbraio 1943 nel comune di Parodi Ligure, in provincia di Alessandria e arcidiocesi di Genova, è stato battezzato quattro giorni dopo nella parrocchia Santa Maria di Tramontana. Terminate le scuole elementari, il 10 ottobre 1954 è entrato nel seminario minore della città della Lanterna, dove ha frequentato le medie, il ginnasio e il liceo. Nell’ottobre 1962, proprio mentre aveva inizio il concilio Vaticano II, è stato inviato a Roma per completare la formazione filosofica e teologica presso la Pontificia Università Gregoriana. In quegli anni è stato alunno del Pontificio Seminario Lombardo. A conclusione degli studi, ha conseguito il baccellierato in filosofia e il dottorato in teologia dogmatica.  Il 25 febbraio 1967, è stato ordinato sacerdote a Genova dal cardinale Giuseppe Siri. L’anno dopo, nel 1968, è diventato vicario nella parrocchia di Sant’Ambrogio a Uscio e incaricato dell’insegnamento nel seminario arcivescovile genovese. Ha insegnato filosofia, teologia morale fondamentale, teologia fondamentale e dogmatica. Nell’agosto del 1969, per l’accresciuto impegno nell’insegnamento di filosofia e teologia, ha lasciato la parrocchia di Uscio ed è stato nominato rettore dell’Oratorio di Sant’Erasmo in Genova-Quinto, sviluppando un sempre più stretto rapporto di collaborazione con il cardinale arcivescovo. Nel frattempo è stato anche eletto nel Consiglio presbiterale diocesano, poi nella Commissione presbiterale ligure e nella Commissione presbiterale italiana, della quale è in seguito divenuto segretario, ricoprendo tale carica per oltre dieci anni. Nel 1985 è stato nominato presidente dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero e responsabile dell’organizzazione della prima visita di Giovanni Paolo II a Genova, svoltasi dal 21 al 22 settembre. Nel 1987, quando dopo gli oltre quarant’anni di ministero del cardinale Siri, sulla cattedra di san Lorenzo è giunto l’arcivescovo Giovanni Canestri, oltre ai precedenti incarichi egli ha assunto anche quello di vicario episcopale per le ‘nuove attività’. Alla morte di Siri, nel 1989, con l’assenso del cardinale Canestri è stato inviato a Roma, alla Conferenza episcopale italiana, per assumere l’incarico di direttore dell’Ufficio nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese. Nel 1992 ha lasciato l’insegnamento presso la sezione di Genova della facoltà teologica dell’Italia Settentrionale e ha assunto l’impegno di professore invitato nella facoltà di teologia della Pontificia Università Urbaniana. Ha collaborato quale insegnante fino alla nomina a vescovo, nel gennaio del 2002. Nel 1996 è stato nominato presidente dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero e, nel 1999, economo della Conferenza episcopale italiana. Contemporaneamente presiedeva il collegio dei revisori dei conti della Caritas italiana e dell’Istituto centrale per il sostentamento del clero.Eletto Vescovo di Savona-Noli il 25 gennaio 2002, ha ricevuto l’ordinazione episcopale dall’arcivescovo di Genova, cardinale Dionigi Tettamanzi, il 9 marzo dello stesso anno. Co-ordinanti sono stati il cardinale Canestri e il nunzio apostolico in Italia, Paolo Romeo. Creato Cardinale di Santa Romana Chiesa il 18 febbraio 2012, ha partecipato alla elezione di Papa Francesco nel Conclave del marzo 2013.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: