sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > Don Farina: appello per emergenza Cuba

Don Farina: appello per emergenza Cuba

Il sacerdote savonese don Michele Farina, missionario nella diocesi di Santiago de Cuba, in questo periodo in Italia, si fa portavoce del dramma della popolazione cubana colpita nei giorni scorsi dal ciclone Sandy e lancia un appello anche ai savonesi. “La zona colpita dal ciclone – afferma don Michele – è in ginocchio, vale a dire Santiago de Cuba, Holguín e Guantánamo, e non solo per le 11 vittime.

Il vescovo Arturo Gonzales ha chiesto di organizzare nel più breve tempo possibile una raccolta sia in denaro sia in cose a favore delle popolazioni colpite. Raccolta che durerà per tutto il mese di novembre”. Nella zona di Santo Domingo, dove opera don Michele, il fiume ha esondato. In direzione Santa Clara è completamente allagata la zona oltre il ponte di Santo Domingo sia a destra sia a sinistra della carretera. Puerto Escondido è completamente sott’acqua, non si vedono le case. Stessa situazione per la strada che porta a Rodrigo. La strada è chiusa perché è tutto allagato. Oltre ai danni alle case, sono ingenti quelli all’agricoltura. “Di fronte a situazioni come queste – scrive in una lettera il vescovo di Santa Clara Arturo Gonzales – emerge la tentazione di domandarci: perché Signore? E’ difficile trovare, nella nostra condizione umana, una risposta che ci soddisfi pienamente. Il Signore ci parla attraverso gli eventi, certamente ci invita a prendere coscienza ancor più chiara della situazione abitativa del nostro popolo cubano e, sicuramente ci sta animando a non rimanere con le braccia incrociate lamentandoci dell’accaduto. Ci sta chiamando affinché, come il buon samaritano, condividiamo parte di quello che abbiamo, anche se poco, con coloro che hanno perso tutto o quasi”. Sabato sera don Michele Farina ha parlato con alcuni membri della parrocchia, in particolare della Caritas, che operano in questo momento per affrontare i problemi causati dalla tanta e forte pioggia che si è abbattuta su Santo Domingo e gran parte della diocesi di Santa Clara. “La comunità più colpita – spiega – è Puerto Escondido, una delle più vicine al centro, a meno di un chilometro dalla chiesa parrocchiale, dove si trovano un centinaio di case, la maggior parte in legno, poche in muratura. Gran parte delle case sono completamente sommerse, anche se da ieri l’acqua sta cominciando ad abbassarsi. Le persone erano state puntualmente evacuate da tutta la zona a rischio e si trovano ora in una scuola che in questi giorni è stata chiusa per l’emergenza. Grazie a Dio i danni sono limitati alle case, a differenza della zona orientale dell’isola, in particolare Santiago de Cuba, dove sono morte 11 persone. Don Fully, recentemente arrivato a Cuba, e don Paolo stanno organizzando nelle nostre parrocchie, la colletta indetta dal vescovo di Santa Clara a favore delle abitanti delle città di Santiago, Guantanamo e Holguin”. Un segnale di vicinanza è venuto ieri dalle parole del Papa al termine dell’Angelus in piazza san Pietro: “Nei giorni scorsi un devastante uragano, che si è abbattuto con particolare violenza su Cuba, Haiti, la Giamaica e le Bahamas, ha causato vari morti e ingenti danni, costringendo numerose persone a lasciare le proprie case. Desidero assicurare la mia vicinanza e il mio ricordo a coloro che sono stati colpiti da questo disastro naturale, mentre invito tutti alla preghiera e alla solidarietà, per alleviare il dolore dei familiari delle vittime e offrire aiuto alle migliaia di danneggiati”. Don Michele Farina lancia perciò un appello perché anche da Savona ci si unisca alla “macchina” degli aiuti partita a livello internazionale.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *