venerdì, luglio 20, 2018
Home > Attualità > Doveri e responsabilità del Sindaco nella gestione del rischio alluvione

Doveri e responsabilità del Sindaco nella gestione del rischio alluvione


di Selena Borgna - 16 aprile 2018, 8:54

“Il caso dell’ex sindaco di Genova Marta Vincenzi è molto importante soprattutto perchè il sindaco ha grosse responsabilità”, ha dichiarato il geologo Alessandro Scarpati, “ed è anche investito di una responsabilità politica senza dimenticare il problema del reperimento delle risorse e del personale. L’ufficio di protezione civile gestisce il volontariato ma occorre anche un piano comunale e la cosa più importante da fare è la prevenzione perchè occorre conoscere i rischi senza dimenticare i piani –bacino del 2004. Attualmente in Liguria vi sono le allerte colore e servono come una segnalazione preventiva per la verifica delle capacità di intervento e quando il terreno è saturo anche una pioggia non violenta diventa pericolosa. I ponti sul Letimbro a Savona, a differenza del ponte sul Centa di Albenga, presentano numerose criticità ed occorre effettuare periodicamente la manutenzione del territorio. I muri a secco devono essere tenuti in buono stato ed occorre anche la cura e la manutenzione dei corsi d’acqua effettuando pulizie periodiche dei fiumi con ordinanze sindacali. La città di Albenga ha sanzioni salate per questo problema ed vi è anche il bisogno di pulire regolarmente i tombini, organizzare risorse, conoscere il loro numero effettivo per capire i compiti precisi di ciascuno”.

“Dal 1999”, prosegue il relatore, “le informazioni sulle allerte vengono trasmesse dal sindaco invece che dal Prefetto in tre tempi : prima dell’emergenza, durante l’emergenza e dopo l’emergenza. Occorre conoscere le norme di auto-protezione e, ai giorni nostri, si possono trovare tutte le informazione necessarie su pieghevoli e social network. La città di Savona ha un canale Telegram dedicato a ciò ed il comune di Diano Marina ha effettuato un ottimo censimento delle zone interrate inondabili recependo bene una delibera di giunta regionale del 2011. Le esercitazioni sono importanti ma ancora troppo rare e servono principalmente per informare i cittadini su cosa bisogna fare in caso d’emergenza e per mettere alla prova il lavoro della Protezione Civile. La prima risposta all’emergenza dev’essere fornita dal comune e durante l’alluvione di Sarno del 5 maggio 1998 nella quale morirono 137 persone l’allora sindaco fu ritenuto responsabile in quanto ci fu una violazione del piano della Protezione Civile perchè doveva esserci un’evacuazione con l’allarme alla Prefettura ma il primo cittadino diede notizie rassicuranti invitando le persone a restare in casa facendo l’esatto contrario di ciò che avrebbe dovuto”.

“Alla regione spetta fornire il supporto ai comuni e le comunicazioni con essi senza dimenticare il ruolo importante della Prefettura e appena il singolo comune va in crisi chiede aiuto proprio alla Prefettura con la quale vi è troppo spesso un problema di comunicazione. La regione ha competenza legislativa concorrente e deve fare leggi per coordinare gli enti sottostanti avendo anche bisogno di una sala operativa regionale per svolgere al meglio il suo lavoro”.

“Porto i saluti del presidente Toti, dell’assessore regionale alla Protezione Civile Giampedrone, del Senatore Ripamonti e del consigliere Vaccarezza e voglio dire che collaborare con la Protezione Civile mi piace e la comunicazione alla cittadinanza è molto importante”, conclude l’assessore alla Protezione Civile del comune di Savona Maurizio Scaramuzza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *