lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Sport > Altri Sport > Dovi vs Marq: la sfida continua

Dovi vs Marq: la sfida continua

Nella terra dei samurai, un super Dovizioso entra nella leggenda, riuscendo ad avere la meglio su Marq Marquez al termine di un duello epico. Non ci sono parole per descrivere l’ennesimo capolavoro del pilota di Forlì. Andrea si conferma imbattibile nel corpo a corpo, grazie ad una lucidità spaventosa abbinata ad una sana dose di pazzia. L’italiano ha saputo rimontare dalla nona posizione di partenza fino alla terza, di metà gara, durante la quale non si aspettava di poter battagliare per la vittoria. Verso gli ultimi giri la gomma extrasoft di Danilo Petrucci(3°) ha cominciato a deteriorarsi, costringendolo a cedere il passo ai due protagonisti della lotta al titolo. Marquez ha spinto al limite nonostante la pioggia battente, ma ciò non è bastato a far demordere il suo rivale. All’inizio dell’ultimo giro Marquez sembrava aver guadagnato sufficiente vantaggio, ma a causa di un’imbarcata è stato costretto a rallentare, concedendo un’ultima chance al suo rivale. A questo punto Dovizioso ha sfruttato l’occasione compiendo il sorpasso con una magnifica staccata, contenendo poi il disperato tentativo di recupero del numero 93 all’ultima curva. Dovi si porta a soli 11 punti da Marquez ed è pronto a dare battaglia nelle ultime tre gare del mondiale. Il rovescio della medaglia è costituito dai compagni di squadra di questi due piloti: Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa. Lorenzo, dopo una partenza a razzo come suo solito, ha cominciato a perdere posizioni, concludendo sesto. Daniel Pedrosa non conclude nemmeno la gara del circuito di casa della propria Honda, dopo un weekend molto travagliato. Gara da dimenticare anche per la Yamaha, in crisi di identità di prestazioni e di risultati, come dimostra il piazzamento della miglior Yamaha, quella di Zarco, giunto ottavo in sella ad una moto clienti. Infatti, le due moto ufficiali hanno riscontrato troppe difficoltà. Valentino Rossi è caduto dopo pochi giri, a causa di una moto, come testimoniano le sue parole post gara, molto difficile da guidare. Il suo compagno di squadra, Maverick Vinales, non è andato oltre il nono posto. I due dicono addio al mondiale e ora si aspettano dei miglioramenti per una moto che quest’anno ha deluso le aspettative, presentandosi ingestibile sul bagnato e con svariati problemi sull’asciutto. Può invece festeggiare la Suzuki, che con il quarto posto di Andrea Iannone e il quinto di Alex Rins è finalmente tornata nella posizioni di vertice, almeno per una gara, dopo un mondiale disastroso fino a questo punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *