mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Cronaca > Dragaggi: Vado ricorre al consiglio di stato

Dragaggi: Vado ricorre al consiglio di stato

La giunta  di Vado Ligure ha deliberato di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che il 29 giugno scorso ha respinto la richiesta dell’amministrazione vadese di sospendere i dragaggi nell’area interessata alla realizzazione della piattaforma Maersk, ritenendoli subordinati alla preventiva bonifica del fondale marino interessato.Contestualmente, la giunta guidata dal sindaco Attilio Caviglia ha provveduto a delegare Riccardo Villata e  Andreina Degli Esposti, dello studio Villata, Degli Esposti e Associati di Roma, a rappresentare e difendere nel giudizio davanti al Consiglio di Stato gli interessi del Comune di Vado Ligure “al fine di tutelare in primis l’ambiente e la salute dei cittadini”.

Al centro del contenzioso – non certo il primo nell’ambito del rapporto conflittuale instaurato tra la giunta Caviglia e l’iniziativa di APM Terminals Vado e Autorità Portuale di Savona – sono le prove di carico da eseguirsi sul fondale marino dove devono essere impiantati i piloni che sosterranno la piattaforma di banchina. Prove che consistono nell’appoggiare sul fondo dei cassoni chiusi contenenti i sedimenti di dragaggio ricavati dalle operazioni di livellamento del fondale stesso. Sedimenti che risultano contaminati dalle pregresse attività portuali e da quanto portato in mare dai corsi d’acqua dove per decenni hanno scaricato le industrie del comprensorio. Il ricorso del Comune di Vado è stato respinto in prima istanza dal TAR Liguria che, sulla base delle normative ambientali, ha escluso che le operazioni di dragaggio, se eseguite correttamente, possano esporre territorio e popolazione a rischi ambientali. La Regione Liguria, contro cui era anche rivolto il ricorso, ha autorizzato l’apertura del campo prove dragaggio con provvedimento del Dipartimento Ambiente adottato nel novembre dello scorso anno.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *