domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > E cosi facendo si morirà sempre

E cosi facendo si morirà sempre

di Loretta Ramognino

Una tragedia in Toscana.

Mica la prima in Italia.

Un dramma dimenticabile come lo sono tutti.

Un puntino nella nostra terra: Poggio a Caiano.

Un paese dove una coppia decide di togliersi la vita.

Il motivo: la disperazione.

Quella cosi intensa che supera il perimetro e si trasforma in studiata e fredda follia, quella che traveste la morte in dea di salvezza e in viatico per la pace.

L’angoscia dignitosa di due coniugi rimasti senza lavoro.

Mica gli unici .

La donna, guardia giurata, cercava di tamponare facendo le pulizie nelle case. L’uomo si arrangiava arrancando fra diverse occupazioni . Tutte a termine. Tutte non in grado di dare un minimo di respiro.

Un mutuo sulla casa come unica costante in un oceano di incertezze.

Spesso la volontà non basta. Non si riesce e non si vince sulla sorte.

Insieme hanno escogitato il piano che avrebbe risolto tutto e che li avrebbe riportati alla serenità.

L’unico che vedevano. Facile, veloce, piuttosto indolore forse.

Decidono di raccontare a tutti di avere deciso di partire per un viaggio in Bulgaria.

Si chiudono in casa e con una pistola pongono fine all’incubo.

Dopo l’attimo del grilletto finalmente il respiro e il sonno.

Ma forse la tristezza infinita e agghiacciante non è tutta qui.

Sono stati trovati dopo quasi due mesi.

Due mesi.

Si erano creati l’alibi del viaggio, ma non saranno troppi due mesi senza notizie?

Molti sapevano delle loro difficoltà economiche.

Forse non è una colpa, ma non sappiamo più vedere oltre le parole.

Non siamo più in grado di capire i drammi altrui, né minimamente di scorgerli.

Non abbiamo più la sensibilità di percepire un pericolo in chi conosciamo.

Abbiamo perso l’intuizione verso l’Altro cosi tanto occupati a tutelare noi stessi.

Cosa che è già fatica immensa.

E in questa realtà è forse comprensibile, ma ugualmente spaventoso. Per niente risolutivo.

Quali soluzioni possiamo trovare per evitare queste tragedie se prima non ritroviamo noi stessi negli altri?

Quali strumenti ci sono rimasti per comprendere?

Possiamo fare riflessioni decisive?

Tantissime persone hanno bisogno di aiuto. Ovunque e continuamente.

Ma alcune di più.

Ma non  le vediamo.

Incaselliamo i bisogni degli altri in modelli standard che non sempre corrispondono al vero.

Aiutiamo o pensiamo di farlo senza una vera cognizione di causa.

Ci occupiamo, senza discernere, di casi che non sempre sono priorità.

Non lo sono e raccontarcela è inutile.

Non vediamo i codici rossi che lampeggiano e ci scorniamo per quelli gialli.

E poi non vediamo il mare sulla nostra riva.

Non lo vediamo proprio.. E non sentiamo neanche l’odore di salmastro né la salsedine che ci ricopre.

Non vediamo. O non ci sforziamo di farlo. O ci raccontiamo storie improbabili, ma le soluzioni fuori dal mondo reale sono impossibili da trovare.

Erano una famiglia.

Avevano 50 e 47 anni.

La loro casa, cosi sofferta, è diventata una tomba.

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *