Attualità

È meglio andare sulla luna o su Marte, o assistere i malati, gli anziani o i disabili?

DI CARLO COLLA

Le più grandi nazioni del mondo continuano a spendere ed investire miliardi di euro per la conquista dello spazio per arrivare sul pianeta Marte o nella speranza di portare vita stabile sulla luna. C’è chi plaude a quanto sopra e chi, invece, come me, ritiene che questa folle corsa alla conquista di mondi lontani sia una follia inutile e addirittura riprovevole. Chiarisco che il pensare che, un domani, l’uomo possa giungere sulla Luna o su Marte stabilendosi magari in modo permanente, da un lato mi stimola e mi affascina molto: dall’altra non la condivido e la condanno perché ciò comporta, come detto, spese enormi. Anche la nostra piccola e povera Italia, la cui situazione economica è sotto gli occhi di tutti che ci costringe a vivere quasi in ristrettezza, indebitati come siamo verso l’Europa ed il mondo intero, si permette il lusso di stanziare ed investire somme da capogiro per non dimostrarsi inferiore e volendo anch’essa concorrere a mettere i piedi in mondi lontani che non ci appartengono e di cui, oggi, non ce ne può “fregar de meno”. La mia non condivisione diventa vera e propria rabbia quando prendo tristemente atto che il governo non riesce a mettere da parte somme desinate alla sanità pubblica o verso altri settori di assoluta e basilare importanza come la scuola o pensare ad aumentare le retribuzioni dei suoi dipendenti e le pensioni dei lavoratori che non sanno letteralmente come arrivare alla fine del mese. Pensionati che vivono con grandissime difficoltà e con somme che non permettono loro di campare degnamente e decorosamente: pensionati che non riescono nemmeno a mangiare perché senza denti dal momento che la nostra sanità non prevede loro di metterli. Per non parlare dell’assistenza ai malati, agli anziani, ai disabili che, da anni, è stata tagliata fino ad essere diventata quasi inesistente con i “servizi sociali” che annaspano senza fondi ed incapaci, quindi, di espletare quelle che dovrebbero essere le loro prime finalità istituzionali. Ospedali e scuole fatiscenti che perdono letteralmente i pezzi: giovani che non vengono assistiti ed aiutatati come meriterebbero e lasciati a meditare su un futuro che, molti credono, sarà assai triste. Sono i molti a chiedersi – ed io sono certamente fra questi – se non sia il caso di mettere da parte, almeno per qualche anno, le velleità interplanetarie e di stornare le somme destinate alla conquista dello spazio per porre, almeno parzialmente, rimedio alle esigenze del popolo italiano che sono, certamente, più urgenti e ben più importanti. Cosa ci può interessare arrivare sulla Luna quando i nostri nonni non riescono nemmeno a masticare perché sono completamente sdentati? Cosa ci può fregare farci belli davanti alle altre nazioni sprecando some pazzesche, quando abbiamo ospedali e scuole marce, senza medici e senza insegnanti. Sarebbe veramente il momento di “darci una mossa” e spendere i soldi in maniera molto più coerente e furba, a beneficio di tutti i cittadini. Mi chiedo anche come il mondo della politica possa accettare tutto questo, sapendo in quali condizioni vivono gli italiani. Prima dei missili, delle capsule spaziali e dei lanci nell’ universo cerchiamo prima di migliorare le condizioni di vita sulla terra che sono e che stanno diventando sempre più inaccettabili.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: