martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Rubriche > Poesie > E’ Natale. Ci penseremo dopo

E’ Natale. Ci penseremo dopo


di Loretta Ramognino - 22 Dicembre 2015, 8:37

Anche quest’anno sta arrivando.
I suoi araldi sono già fra noi.
Lui giunge puntuale e rispetta i tempi, con il suo carico di doni e di oblio.
Con la pozione magica che ci fa dimenticare per un po’ chi siamo e il nostro cammino.
Lui che placa per un attimo la rabbia. La mette da parte, la copre con un velo dorato affinchè non si veda.
La luce scende come una polvere sottile, l’atmosfera è sedata, i rumori attutiti.
Per questo periodo addormentiamo volutamente gli affanni che diventano meno feroci e aggressivi.
La paura è quasi domata. Smette, pur guardandoci da lontano, di mostrare i suoi denti affilati.
Nei giorni che precedono siamo distratti dalle corse per accontentare, per riempire vuoti incolmabili per il resto dell’anno. Per fingere di amare perdutamente o per ricordarlo. Per ritrovare, materialmente, cio’ che si credeva perduto.
Il mondo infantile ha la meglio.
I nostri figli ci rapiscono e ci vedono attori palpitanti di commedie fiabesche.
Sappiamo perfettamente che cosa stanno provando e li assecondiamo perché sappiamo che non durerà.
E quel risveglio sarà fatale.
Un sortilegio destinato a non ritornare mai più.
Riaffiora la memoria di un mondo bellissimo di neve e di calore, di ghiaccio e di amore.
Dove non esiste Equitalia, il mutuo, il lavoro che forse non durerà, l’oro che se ne andrà, la bomba che esploderà.
I mostri accantonati li affronteremo dopo.
La tavola imbandita ci regala un senso di abbondanza, che , chissà, potrebbe durare per sempre.
Leggiamo le favole. Per i nostri figli, ma anche per noi.
E diamo riposo all’anima.
Viviamo la notte che precede quel giorno col senso bollente dell’appartenenza ad un universo infinito dove tutti hanno lo stesso pensiero, nel medesimo istante. E che tutto questo avrà fine. Non puo’ che essere cosi.
Ascoltiamo la parola di quel nostro Dio e ci svegliamo felici.
I bambini sono appagati e, per quest’anno, ancora salvi.
Aspetteranno ancora una volta la notte fatata.
Avranno tempo per svegliarsi, ma ci penseremo dopo.
S. Stefano.
Ancora una piccola tregua, l’ultimo colpo di coda della cometa.
Poi si puo’ ricominciare con la blasfemia e con le profanazioni, con le irriverenze e le corse all’oro o alla sopravvivenza. Dimenticando completamente che quell’attimo è stato vissuto.
La rabbia, privata del velo, puo’ , autorizzata, ricominciare ad impazzire.
E si volta pagina con un brindisi al cielo stellato di mezzanotte.
Buon Natale “ finché c’è chi ascolterà, finché un uomo pregherà…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *