lunedì, settembre 24, 2018
Home > Cronaca > È scomparso il rocker di Albisola Enrico Cazzante

È scomparso il rocker di Albisola Enrico Cazzante


di MICHAEL TRAMAN - GIORGIO SIRI - 3 settembre 2018, 6:53

La comunità delle Albissole e, in generale, il mondo artistico e musicale della nostra provincia piangono la morte di Enrico Cazzante. Scomparso ieri, nel sessantottesimo anno di età , Cazzante era un simbolo della musica country/rock, con il suo stile inconfondibile: barba e capelli lunghi, occhiali e l’immancabile cappello a tesa larga. Il cantante originario di Giusvalla era un habitué, negli anni ’80, del locale Pozzo Garitta di Albissola Marina. Con il gruppo Le Volpi Blu di Franco Delfino, aveva cantato al Festival di Sanremo del 1975, presentando la canzone “Senza Impegno”.

Bastava vederlo per comprendere che il personaggio era non comune, anche se, nella vita di tutti i giorni, lo si poteva incontrare nel Palazzo comunale di Albisola, nell’ufficio del messo. Enrico Cazzante è stato un rocker geniale, autore e soprattutto esecutore, noto agli amatori ed ha tenuto concerti sino ad anni recenti. Aveva viaggiato in America ed era addentro alle correnti musicali legate al mondo del rock. Si legge di lui un interessante profilo, sul sito “Musica e Disincanti”, del giornalista e blogger Martin Cervelli che lo aveva intervistato, nel 2015, per i cinquant’anni di carriera. Da quella lunga intervista, citiamo una significativa domanda ed una significativa risposta:

Oggi hai 65 anni e continui a suonare senza sosta. Cosa ti spinge a proseguire?

«La grande passione. Ancora oggi studio e ho l’umiltà di ascoltare i grandi che mi fanno sempre venire la pelle d’oca. I grandi per me sono Joe Cocker, Steve Winwood, B.B. King, Eric Clapton, i cantanti neri. Ascolto quelli per vedere se anche io arrivo con la voce dove il cuore c’è già. L’interpretazione è la cosa principale, è una questione di cuore e di feeling. I suoni sul palco sono l’altra componente fondamentale, senza queste due cose non fai nulla. Io sono puntigliosissimo, ho un impianto vecchio al quale ho chiesto di funzionare ancora e lo fa perfettamente, ha dei suoni meravigliosi. Viaggio con quello che sta nella macchina e lavoro all’antica. Le basi me le registro io, i cori sono di Manuela Cavallero, cantante di Savona che vive a Roma. E vado avanti con tanto entusiasmo»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *