lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > E’ un diritto il menù vegetariano alle mense scolastiche?

E’ un diritto il menù vegetariano alle mense scolastiche?

mensa scolastica loano

I volontari della Protezione Animali si associano alla maestra savonese che chiede al Comune di poter disporre, nelle mense scolastiche, di un menù vegetariano; vegetariani e vegani sfiorano ormai il 10% della popolazione e l’Enpa spera che il sindaco e l’assessore competente intervengano per permettere che la maestra possa avere a disposizione il pasto che preferisce.  «Chiedo solo un uovo o un pezzo di formaggio». Spiega la maestra Germana Pia, vegetariana che non mangia carne e neppure pesce. Da un paio d’anni l’insegnante della scuola primaria, ovvero elementare, chiede ai responsabili dell’istituto e ai funzionari comunali  che organizzano il servizio mensa, di poter mangiare come secondo piatto un uovo o un pezzo di formaggio ma, a quanto pare, la maestra, non affetta da malattie per le quali si ha diritto ad un menù differenziato, come previsto dal regolamento, si sente discriminata davanti ai ripetuti dinieghi arrivati dal Comune. “La mia è una scelta etico-spirituale, ma non ho lo stesso trattamento riservato ai bambini, figli di genitori islamici che possono beneficiare della possibilità di variazione del menù”. È il senso della sua protesta, inaspritasi nei giorni scorsi dopo uno scambio di mail con la dirigente dei servizi educativi del Comune, Domenica Toscano.

L’Enpa chiede inoltre di verificare il menù alternativo che invece verrebbe già garantito agli scolari di fede islamica (ed ebraica); nulla da dire se non viene servita carne di maiale ma dissente invece se la carne proviene dalla macellazione di animali secondo il rito islamico (halal) e cioè senza il preventivo stordimento prima del dissanguamento, attuato invece nei nostri macelli; le autorità islamiche di molti paesi, anche a fede islamica, hanno infatti già ritenuto accettabile la procedura meno traumatica e meno dolorosa attuata nei macelli italiani ed europei.

Già anni fa l’Enpa chiese, all’allora giunta di centrodestra di Albenga, di non far servire ai bambini delle scuole, carne “halal” ma ottenne un netto rifiuto; ora spera che la giunta di centrodestra savonese lo faccia!

Una piccola provocazione, non me ne voglia nessuno ed anche una piccola sfida di conoscenza del dialetto: chi è in grado di tradurre al meglio il termine: “Moscità“? Poi continueremo il discorso!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *