Attualità

Elezioni o nuovo governo?

Non so se domani mattina, quando i lettori si collegheranno alle nostre pagine, il Presidente della Repubblica, Mattarella, avrà già affidato a qualcuno l’incarico di formare il Governo o di cercare di formarlo, e speriamo bene, ma la “crisi di identità” che, qualche giorno fa’, mettevamo in parallelo con la crisi di Governo in corso, è più che mai evidente! Anche i migliori – come l’ottimo Ettore Maria Colombo il conduttore, questa settimana, della trasmissione di Radio Tre “Prima Pagina” – continuano a parlare di “prima repubblica” per confrontarla con la “seconda” e ho sentito un esponente del M5S reclamare che qualcuno vuole sabotare l’inizio della “terza” e le repubbliche si moltiplicano…io continuo a dire, e sono sicuro di avere ragione, che la Repubblica è sempre quella e che, semmai, si cerca di fondarne una “seconda” senza esserne realmente capaci e, pur facendo credere di aver posto riparo ai demeriti della supposta Prima Repubblica, e non è assolutamente vero, neppure lontanamente si è in grado di eguagliarne i meriti, per quanto un discredito ottuso, nutrito prima di propaganda, oggi di fake-news, generalizzi, come questa mattina era incline un ascoltatore-interlocutore appunto di “Prima Pagina” che straparlava di “settant’anni di inaffidabilità” come se dalla fine disatrosa, per il nostro Paese ovviamente ancor più, della Seconda Guerra Mondiale ad oggi non fosse cambiato nulla e, comunque, in tale evidente delirio, quel tale ascoltatore avrebbe, lui pure, cancellato ogni concetto di prima o seconda repubblica!

Il caduto Governo sorto dalle elezioni del 2018 era stato costruito a tavolino tra le due fronde: quella pluridecennale, fosca, cresciuta sul malessere – spesso comprensibile beninteso – del Nord produttivo, espressione (anti) politica senza ideologia ma, per un po’ di tempo, istruita da Gianfranco Miglio su di una astrusa, per quanto dotta, dottrina federale – per nulla federale in realtà, semmai volta al particolarismo – ed infatti il professore-senatore litigò con la creatura che voleva mettere al mondo che aveva creato lui a sua volta e venne invitato a farsi da parte senza troppi riguardi; l’altra fronda è quella rappresentata dal Movimento Cinque Stelle: contro tutti e tutto, per una sorta di politica “new age”, per fare nulla che non fosse castigare i “cattivi”, cioè tutti gli altri, senza progetti, anzi contro i progetti; verso o falso che sia, il tratto distintivo del movimento inventato da Beppe Grillo, che ha lanciato il sasso e poi si è defilato, viene contraddistinto per il sostegno alla teoria della “decrescita felice” ed infatti, ovunque il M5S governa il “no” impera: non si partecipa alla candidatura per le Olimpiadi, non si fanno gasdotti e oleodotti, non si trivella, si vogliono chiudere le fabbriche, non si devono realizzare linee ferroviarie importanti – è la contrarietà pervicace alla TAV ne è proprio l’emblema intoccabile, a cui è dovuto persino il pretesto per la crisi di Governo, a ben vedere – ; a parte il discusso reddito di cittadinanza, misura certamente da non considerare campata in aria ma applicata frettolosamente, per poi invece dover prendere atto della realtà e doversi responsabilizzare per affrontare e cercare di risolvere problemi concreti –  e non l’ho detto io –  e non, come pare pensi un certo elettorato fluttuante, abdicare a prese di posizione ritenute irremovibili e fondamentali, in realtà astratte, fantasiose, improbabili e strumentali!

Ora i nodi sono venuti al pettine e le velleità su cui le due fronde si mantengono, come l’atteggiamento euroscettico sbandierato dalla Lega, per poi guardarsi bene dal voler veramente allontanarsi dall’ Unione Europea, sono franate sui piedi d’argilla su cui si reggono; il Governo appena caduto sì che era venato di inaffidabilità, se si pensa che, appena caduto, il famigerato “spread” è tornato ai livelli di prima delle elezioni del 2018 e le borse sono volate; non si era mai vista una cosa del genere, altrochè “seconda repubblica” e, semmai, torno a ripetere alla nausea, non c’è più “prima repubblica” della “seconda”! L’atteggiamento delle “fronde” ha portato incertezza, l’esibizione di euroscetticismo inquieta l’economia, le manovre finanziarie aleatorie generano sfiducia! E, fra le raccomandazioni del presidente Mattarella per la formazioni di un eventuale nuovo esecutivo, ben si è inteso il riferimento ai futuri anni cruciali per la coesione europea! E’ l’ora di essere seri e se l’orribile parola “inciucio”, in genere associata agli eventi della “prima repubblica” è tornata di moda per fare di necessità virtù, i cittadini-elettori ne traggano le conseguenze; se l’ “inciucio” storico Pd-M5S, sarà possibile – nella “Prima Repubblica” si parlava invece di “compromesso” storico – ciò dovrà avvenire nell’interesse del Paese, e, fronda o meno, si dovrà prenderne coscienza, per i motivi elencati da Matterella a cui è bene rimandare!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: