Politica

Elezioni senza vincitori? Si direbbe proprio di sì

Per comprendere il risultato delle elezioni politiche 2013, secondo me bisogna fare qualche breve considerazione su come votano gli italiani. Una parte dell’elettorato vota sempre e costantemente per il centrosinistra, mentre un’altra vota sempre per il centrodestra. Ma un’altra parte, considerevole, dell’elettorato, vota scegliendo di volta in volta, a seconda delle circostanze, ed è quella che, generalmente, decide l’esito delle elezioni. Ed anche in questa occasione, politiche 2013, è stata determinante. Ma qual’era lo scenario che si presentava alla vigilia delle elezioni?

Era uno scenario diverso rispetto al 2008, perché il presidente del consiglio uscente, Mario Monti, non era stato scelto dagli elettori, bensì dal Parlamento. Lo stesso Monti si è presentato agli elettori con una propria lista, del tutto nuova, così come del tutto nuova era la lista Movimento 5 Stelle, entrambe non presenti alle elezioni del 2008. Tuttavia, nonostante queste due incognite, restava il fatto che il PDL ed il centrodestra, vincitori con largo margine nel 2008 (46,81% alla Camera), avevano attraversato una grave crisi, culminata nelle dimissioni di Berlusconi, e non erano riusciti ad esprimere un nuovo leader, in grado di presentarsi all’elettorato come foriero di un rinnovamento della politica del partito e dell’intero schieramento. In queste condizioni, una vittoria del centrosinistra, che partiva da un 37,55% alla Camera, sembrava quanto mai probabile, se non addirittura scontata. Il centrodestra, che ha nuovamente presentato Berlusconi quale suo leader, veniva dato in forte calo, ed infatti ha perso quasi il 17%! Nonostante questo, il centrosinistra non è riuscito ad affermarsi. Che cosa è successo? Semplice. Il leader designato dalle primarie, Pier Luigi Bersani, non è riuscito a raccogliere voti né nell’area del centrodestra, né in quella di chi sceglie di volta in volta. Un insuccesso clamoroso, che, secondo me, dimostra quanto la parte militante del suo partito, il PD, sia distante dalle esigenze di molti cittadini. Eppure, alle primarie, c’era stato un chiaro avvertimento al partito: molti cittadini, non militanti né particolarmente inclini al centrosinistra, erano andati a votare, scegliendo il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, che poteva rappresentare la speranza di un rinnovamento sia nel partito, sia, più in generale, nel modo di fare politica. Invece è risultato largamente vincente Bersani. Che tipo di scelta è stata fatta? Evidentemente i votanti hanno scelto un uomo politico che li rappresentasse, o meglio che rappresentasse l’anima maggioritaria del partito, senza rendersi conto che, per vincere le elezioni politiche, bisogna candidare una persona che rappresenti le istanze di un più vasto consesso di cittadini, e questa persona era Matteo Renzi, che avrebbe pescato voti un po’ dappertutto. Così non è stato, forse perché, ripeto, i votanti alle primarie del centrosinistra hanno pensato che il loro schieramento avrebbe vinto comunque. Invece hanno dovuto fare i conti con il Movimento di Beppe Grillo, che ha raccolto voti a destra e a manca, e pure al centro, perché non bisogna dimenticare che la situazione economica dell’Azienda Italia era ed è difficilissima, e che, nonostante questo, la nostra classe politica continua a dare un pessimo esempio; basta leggere le quotidiane cronache dei giornali per rendersene conto. In questa situazione, con i cittadini esasperati da tutto, dalla povertà alle pensioni indegne, in un senso (troppo) e nell’altro (troppo poco), dalla mancanza di lavoro da un lato e dagli stipendi esagerati dall’altro, e via dicendo, a Grillo e al suo movimento è bastata una semplice affermazione (“mandiamoli a casa”) per avere buon gioco e raccogliere il 25,55% dei consensi! E Mario Monti? Ha pagato, naturalmente, il fatto di aver governato per circa un anno, un anno, il 2012, disastroso per l’economia italiana, basti pensare alla terribile emorragia di posti di lavoro. E ora? Bersani, grazie al premio di maggioranza, potrebbe governare alla Camera, ma dovrà trovare degli alleati al Senato. Chi? Berlusconi? Forse.

Filippo De Nobili

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: