sabato, Agosto 17, 2019
Home > Cronaca > Entro marzo a Savona 600 occupati in meno

Entro marzo a Savona 600 occupati in meno

Il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro ha reso note le previsioni sul mercato del lavoro nelle imprese dell’industria e dei servizi per il primo trimestre del 2012. Per la prima volta l’analisi riguardante i programmi occupazionali introduce un nuovo elemento di conoscenza: al numero delle assunzioni si affiancano le previsioni sulle uscite di personale dipendente attese nello stesso periodo. E il raffronto conferma chiaramente tutte le difficoltà dell’economia reale. Anche e soprattutto a livello provinciale.

In provincia di Savona, infatti, sono previste 990 assunzioni, a fronte però di 1.590 uscite; il saldo negativo è pari a 600 unità, che si traduce in una diminuzione dell’occupazione pari all’1,4% rispetto al trimestre precedente (ottobre – dicembre). Una situazione particolarmente negativa, anche rispetto a quanto è previsto per le altre province liguri: 650 occupati in meno a Genova (-0,4%), 310 in meno a Imperia (-1,1%), 80 in meno alla Spezia (-0,2%). La performance savonese è tra l’altro indicata come la peggiore per quanto riguarda l’Italia Settentrionale e Centrale, con l’unica eccezione della provincia di Viterbo dove il calo è stimato nel 2%.
A livello nazionale, le imprese dell’industria e dei servizi, tra gennaio e marzo, hanno programmato circa 152 mila assunzioni, circa 60 mila in più di quelle rilevate per l’ultimo trimestre dello scorso anno. Si tratta, tuttavia, in larga parte, di riattivazioni di contratti in scadenza a fine 2011 o di assunzioni in sostituzione di analoghe figure che hanno interrotto (anche solo temporaneamente) il loro rapporto di lavoro. A realizzarle saranno le oltre 107 mila imprese che, nonostante lo scenario congiunturale, legano il rinnovamento o l’espansione della base occupazionale all’andamento della domanda estera (sono circa 25 mila le imprese esportatrici che assumono) e alla realizzazione di nuovi prodotti o servizi (quasi 32 mila imprese hanno innovato e programmano, nell’immediato, nuove assunzioni).
Quanto alle uscite, il numero complessivo si attesta a 227.500 unità. A seguito di tali uscite, si determina un saldo negativo di 75 mila unità, equivalenti a un calo dell’occupazione dipendente nell’industria e nei servizi dello 0,7%. La sofferenza tocca soprattutto l’occupazione nelle piccole imprese, investirà in maniera più consistente il Mezzogiorno e interesserà soprattutto (ma non esclusivamente) i contratti a tempo determinato.
Le contrazioni più consistenti in termini percentuali sono attese in Basilicata (-1,4%), Puglia (-1,3%) e Sicilia (-1,2%), ma raggiungeranno il punto percentuale anche in Trentino Alto Adige, Calabria, Campania e Molise. Su livelli negativi ma inferiori alla media nazionale si posizionano invece Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana e Veneto. La Lombardia è comunque la regione che, in valori assoluti, dovrebbe maggiormente contrarre la propria occupazione: 10 mila in meno, infatti, i posti di lavoro previsti nel I trimestre dell’anno.
“Per ridare slancio all’occupazione e agli investimenti, le imprese hanno bisogno di un credito accessibile – ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello -. In questo delicata fase economica è anche indispensabile individuare percorsi adeguati per dare impulso ai consumi, puntando anzitutto sulla grande risorsa del turismo per attrarre flussi internazionali. Inoltre, per rilanciare la filiera delle costruzioni, nella quale Excelsior segnala una più significativa perdita di posti di lavoro, assai utile sarebbe puntare su investimenti diffusi nella green economy e nelle infrastrutture fondamentali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *