giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Ferrari: settantesimo “sempreverde”

Ferrari: settantesimo “sempreverde”

Questo anno che sta per finire segna il settantesimo della Ferrari. Dopo la Seconda Guerra Mondiale infatti Enzo Ferrari (1898 – 1988), uno dei “capitani” dell’imprenditoria italiana, un personaggio mitico, la cui biografia romanzesca merita un approfondimento a parte, creò “La Scuderia Ferrari”, la sezione sportiva della casa automobilistica Ferrari, che era stata fondata fin dal 1930  ma che fu costituita come ragione sociale a parte dal 1947, e continua ad essere la più nota squadra del mondo automobilistico sportivo.

La prima gara disputata nel campionato mondiale dalla nuova formazione fu il Gran Premio di Monaco, il 21 maggio del 1950, mentre la prima vittoria in F1 fu il il Gran Premio di Gran Bretagna nel 1951 con Josè Froilàn Gonzales, mettendo fuori combattimento lo squadrone Alfa Romeo. Fu la vittoria che segnò il declino dell’Alfa Romeo nel mondo della F1 (che pur vincendo il mondiale 1951 decise di ritirarsi per questioni economiche senza portare in gara il rivoluzionario progetto 160) e, contemporaneamente, l’ascesa sportiva della Ferrari, provocando nell’animo di Enzo un conflitto di sentimenti, verso la vecchia casa milanese alla quale doveva ogni sua fama e conoscenza in campo automobilistico ma la strada era ormai tracciata!

Nell’ambito delle iniziative per celebrare il 70° anniversario del Cavallino Rampante, Ferrari Tailor Made, assieme ai designer del Centro Stile, ha riletto in chiave moderna gli stilemi e gli elementi che hanno caratterizzato settanta tra le Ferrari più belle della storia dando vita ad altrettanti “vestiti” unici.

Settanta livree esclusive, ciascuna realizzabile solo una volta per ognuna delle vetture dell’attuale gamma, fanno sì che il passato si fonda con il futuro, creando le icone di domani. Le ispirazioni nascono da modelli straordinari come per esempio la 375 MM Pinin Farina berlinetta che Roberto Rossellini ordinò per Ingrid Bergman. Un’auto così unica ed elegante da dare il nome al colore scelto dal regista per i suoi esterni, appunto il “Grigio Ingrid”.

Tutte le vetture si distinguono, oltre che per l’esclusivo logo celebrativo del 70° anniversario, anche per una targhetta identificativa che riporta il nome del modello ispiratore.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *