domenica, Settembre 15, 2019
Home > Attualità > Ferrovie: si chiedono maggiori investimenti…

Ferrovie: si chiedono maggiori investimenti…

 

Daniela Pongiglione, di “Noi per Savona” così si esprime in merito al Piano Industriale delle Ferrovie 2017 – 2026, presentato il 18 gennaio. “Il 30 giugno 2017, nell’ambito del Convegno -La cura del ferro- ( al Palazzo della Provincia), il sottosegretario Del Basso De Caro dichiara “fattibile il raddoppio della linea ferroviaria che da Savona porta verso Torino attraverso CairoMontenotte. Si tratterebbe infatti di un investimento da 400 milioni di euro su cui si potrebbe trattare con Ferrovie dello Stato, perché è una linea che serve per collegare verso Nord il Porto di Savona”. In quella stessa occasione, l’on. De Caro escluse la possibilità di un intervento imminente per il raddoppio tra Finale e Andora, dato l’importo necessario (1, 5 miliardi), “in quanto non si possono concentrare troppe risorse in una Regione dove c’è un investimento da 7,5 miliardi per il terzo valico”. Dai dati sopra elencati è evidente l’assenza di investimenti previsti per la zona di Savona e in generale per la linea Savona -Torino.

“Negli ultimi quarant’anni non sono più arrivati finanziamenti per le infrastrutture ferroviarie.Questa carenza (e il progressivo degrado delle strutture) ha creato gravi danni alla vita economica dei territori, crea forti disagi ai viaggiatori e danneggia l’ambiente perché le merci vengono trasportate su gomma. Da almeno un decennio sono stati aboliti i treni merci. Però tutti i prodotti arrivano comunque dalla Francia, dalla Spagna, ecc. , ma arrivano su camion:centinaia e centinaia di camion tutti i giorni viaggiano sulle nostre autostrade e attraversano le nostre Città, creando ingorghi, forti disagi e forte inquinamento.”

“La mancanza di infrastrutture moderne riduce la competitività del nostroterritorio sul versante economico e turistico. Il Governo ha stanziato fondi destinati al rinnovo e al rafforzamento della rete ferroviaria.Anche la Regione finanzia il rinnovo dei mezzi di trasporto pubblico (da diesel a elettrico) e, in generale, l’acquisto di mezzi elettrici. E’ però necessario che tali fondi vengano richiesti dagli enti territoriali. Il Comune, la Provincia e la Regione devono (con urgenza) avviare tavoli di lavoro con i Sindaci (Liguria occidentale, Valbormida, Basso Piemonte),Unione industriali, Camera di Commercio, Autorità portuale, Associazioni dicategoria, Sindacati, perché vengano richiesti i finanziamenti necessari alla ripresa della vita economica del territorio savonese. I Cittadini non possono continuare ad avere una pessima qualità della vita. E quando la piattaforma Maersk inizierà l’attività, le condizioni del traffico e dell’inquinamento peggioreranno ulteriormente. Non dimentichiamo infine che Savona sta subendo il rilevante inquinamentoda navi nel porto.”

Tutto vero, o quasi; non si capisce cosa voglia dire la consigliere Pongiglione quando afferma che “da almeno un decennio sono stati aboliti i treni merci.”  Per fortuna i treni merci viaggiano, anzi dal 1 gennaio 2017, è operativa la nuova società Mercitalia Rail, che è subentrata a Cargo di Trenitalia ed ha in esercizio circa 23.000 carri ferroviari e un parco locomotive composto da oltre 300 mezzi. Come si legge sul sito della stessa “Mercitalia Rail” la flotta “unica e in fase di ammodernamento”, permette di far partire circa 2.000 treni a settimana, ovvero 100.000 treni l’anno.  “Grazie ai trasporti ferroviari affidati a società del Gruppo FS Italiane, nel 2016 sono state movimentate circa 40 milioni di tonnellate di merci, con 1,3 milioni di tonnellate di CO2 risparmiate all’ambiente rispetto alla modalità stradale, sottraendo 1 milione e 500 mila TIR alla strada.” Sempre si legge sul sito di Mercitalia Rail.

Piuttosto, come abbiamo già, in più di una occasione sottolineato, è da pensare a quali e quante opposizioni incontrano o hanno incontrato, in genere, i progetti di ampliamento della rete ferrovia. Magari qualcuno che si straccia le vesti adesso, lamentando gli inconvenienti dei trasporti su strada, sino a ieri infoltiva le file “brancaleonesche”, senza far torto allo straordinario cavaliere errante Brancaleone, immortalato dal cinema,dei “no-tav”! E comunque la consigliere Pongiglione ha ragione a proporre l’importanza di collegamenti ferroviari pi veloci fra Piemonte e Liguria.

Col Piano industriale 2017/ 2026 del Gruppo Ferrovie Italiane vengono stanziati 2,5 miliardi per la ristrutturazione di 620 stazioni in tutta Italia; 250 milioni, di tale investimento, verranno impiegati per la Liguria. Nel  2018  riguarderanno le stazioni ferroviarie di Albenga, Genova Prà, Ovada; nel 2019 Genova Principe, Genova Sturla, Pietra Ligure, Taggia; in seguito le stazioni di Cogoleto, Genova via di Francia, Genova Pegli, Monterosso, Rapallo, Santa Margherita- Portofino, Ventimiglia e Vernazza; entro il 2026 saranno rinnovate 54 stazioni da Ventimiglia a Sarzana, con alcune del basso Piemonte. Rammentiamo che il 12 gennaio scorso è stato firmato a Genova il  Contratto di servizio tra Regione Liguria e Trenitalia, che prevede, entro il 2023, il rinnovo totale della flotta dei treni regionali; il contratto 2018- 2023, fra materiale rotabile e lavori di ristrutturazione delle strutture prevede investimenti per 557,7 milioni di euro ed attua la politica perseguita dal Governo, su indirizzo dell’ Europa,di rafforzamento del trasporto pubblico ferroviario; nell’interesse dell’economia e dell’ambiente, in quanto si ritiene che il trasporto ferroviario produca il 90% di emissioni inquinanti in meno rispetto ai veicoli su gomma.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *