Attualità

FESTA DELL’AMARETTO, A SASSELLO

di Giorgio Siri

Rinviata, per rischio maltempo, il 18 settembre, la Festa dell’Amaretto, a Sassello, si svolgerà domani,  domenica, a partire dalle ore 14,00. Ormai tradizionale appuntamento illustrativo del tipico dolce  legato strettamente al nome di Sassello, l’evento offrirà la possibilità di visitare gli stand  delle varie industrie dolciarie, che proporranno assaggi dei loro prodotti e degustazione gratuita di amaretti sfornati direttamente! L’amaretto è prodotto fin dagli anni intorno al  1860, quando Gertrude Dania Rossi cominciò a preparare amaretti per il consumo familiare, ed  è rimasto pressochè inalterato nelle sue caratteristiche, grazie al passaggio, di generazione in generazione, dell’utilizzo degli ingredienti e delle tecniche di lavorazione.

L’Amaretto di Sassello è preparato ancora oggi, infatti, secondo un’antica ricetta, fatta di pochi ingredienti lavorati a mano. Le aziende produttrici hanno presentato la domanda di registrazione del marchio I.G.P.

La domenica sarà animata da tanti giochi per adulti e per bambini (i giochi di una volta e Pompieropoli per i più piccoli); in via dei Perrando si terranno letture di fiabe e racconti a cura della Biblioteca Tararì Tararera. in programma un concerto di chitarra e mandolino dei Pizzicanduo ed un concerto della Camerata Musicale Ligure diretta dal maestro José Scanu.

I tre musei di Sassello resteranno aperti: il museo dell’amaretto inannzi tutto, poi il nuovo polo museale Perrando, che ospita, tra l’altro, un Mirò e un Francis Bacon, e il Museo di scienze della terra a palazzo Gervino.

Le iniziative della festa comprendono anche una gara di corsa non competitiva a passo libero con partenza dallo Stadio degli Appennini alle ore 10.Per finire, durante la manifestazione saranno raccolte offerte a favore delle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto del 24 agosto.

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: