sabato, dicembre 15, 2018
Home > Tempo libero > Festa dell’inquietudine 2015 alle Officine Solimano

Festa dell’inquietudine 2015 alle Officine Solimano


di - 28 novembre 2014, 12:15

Bahrami Inquietudine 2014Proseguono le iniziative di avvicinamento all’ottava edizione della Festa dell’Inquietudine organizzate dal Circolo degli Inquieti. Sabato 29 novembre il Nuovo Filmstudio-Officine Solimano di Savona ospiterà la proiezione del video sulla settima edizione della Festa realizzato da Eros Achiardi e Barbara Maffeo, e, a seguire, la presentazione del libro di Mario Muda, già vicedirettore del Secolo XIX, “L’ombra di Achille”,  un “romanzo sull’amore, dentro l’amore, immerso nell’amore” (dalle 15). A condurre l’incontro saranno Elio Ferraris, presidente del Circolo degli Inquieti, e Dario Caruso, del consiglio direttivo. L’ingresso è libero. Il video di Achiardi e Maffeo interpreta, in circa 20 minuti, con una narrazione originale, il tema conduttore e i momenti essenziali dei quattro giorni della Festa realizzata a Finalborgo dal 15 al 18 maggio scorsi. Il fil rouge dell’edizione 2014 è stato il rapporto tra inquietudine e fuga, affrontato attraverso incontri, dibattiti, concerti e spettacoli. Con autorevoli esponenti del mondo scientifico e culturale (fra questi: il sociologo Luca Ricolfi, il genetista e neuro scienziato Edoardo Boncinelli, il direttore del Salone del Libro di Torino Ernesto Ferrero, la scrittrice Paola Mastrocola, il filosofo Valerio Meattini e il pittore Ugo Nespolo) si è parlato di  fuga di cervelli e di capitali, di fuga da se stessi, da un luogo, da una relazione o dalle proprie responsabilità, di fuga nel sogno e dell’arte della fuga. L’edizione di quest’anno ha avuto un alto profilo internazionale con l’assegnazione del Premio Inquieto dell’Anno, arrivato alla diciassettesima edizione, al pianista Ramin Bahrami, profugo dall’Iran e stimato tra i massimi interpreti di Johann Sebastian Bach e delle sue Fughe. Nella premiazione è stata affiancata al grande pianista esule l’Isola di Lampedusa, territorio in cui gli abitanti hanno trasformato il disagio in accoglienza verso una umanità in fuga dai loro Paesi. A rappresentare Lampedusa è stata, in collegamento Skipe, il sindaco Giusy Nicolini. La Festa ha inoltre proposto una tavola rotonda su Norberto Bobbio, organizzata in collaborazione con il Centro Pannunzio di Torino in occasione del decennale della morte del grande filosofo, oltre ad aperitivi psicologici e laboratori delle emozioni e alla rassegna nazionale di vini e vitigni rari “Vini Inquieti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *