Musica

“Figli di un Dio minore” domani sera a Verezzi

Una nuova prima nazionale domani sera e lunedì  in seconda serata, del calendario del 49° Festival teatrale di Borgio Verezzi: ‘Figli di un Dio minore’ di Mark Medoff, traduzione di Lorenzo Gioielli, sotto la regia di Marco Mattolini. A calcare le scene di Andrea Stanisci (anche costumista): Giorgio Lupano, Rita Mazza, Cristina Fondi, Francesco Magali, Gianluca Teneggi e Deborah Donadio; musiche di Daniele D’Angelo.
Giunge un nuovo insegnante di logopedia in un istituto per sordi (Lupano): è giovane, intraprendente, creativo, e il direttore lo guarda con sospetto e prova a bloccarlo. Ma lui non indietreggia e i risultati gli danno ragione. Solo una ragazza resiste alle richieste di integrazione comunicativa di James: Sarah (Mazza), che è bella e intelligente, ma anche introversa e ostile. Finché non arriva l’amore…
Sicuramente un evento bellissimo, e una grande interpretazione sia di Lupano che di Mazza, attrice non udente che per intraprendere questa strada lavorativa ha dovuto trasferirsi a Berlino.
Ancora poche ore, quindi, prima del 6° evento in programma quest’estate, per la celebre Piazzetta Sant’Agostino, dopo la drammaticità di ‘Bianco o Nero – The Sunset Limited’, nella traduzione di Gabriela Eleonori del lavoro teatrale di Cormac McCarthy.
Saverio Marconi e Rufin Doh Zéyénovin, rispettivamente il Bianco e il Nero, hanno debuttato il 30 luglio nella Prima nazionale assoluta che ha visto il lungo dialogo serrato che segue un tentativo di suicidio. Sotto la regia della Eleonori, le scene di Gabriele Moreschi hanno inquadrato la triste cucina di un appartamento modestissimo a Harlem, spesso frequentato da personaggi equivoci (tanto che il Nero sogna una porta blindata per la camera da letto, e non per l’ingresso). Sarà qui che l’ex carcerato di colore, dopo averlo salvato dalla morte, accompagnerà il Bianco per farlo riflettere sul grave peccato che stava commettendo. Lui, in galera, ha trovato la fede, perché Dio si è svelato a lui addirittura nei momenti difficili che avevano fatto seguito ad un feroce corpo a corpo con un compagno di prigione armato di coltello a serramanico, e ora si offre di portare sulla retta via colui che ha smarrito la ragione. Ma il Bianco, quella strada senza via d’uscita, l’ha scelta in perfetta coscienza: la vita non gli può dare nulla, quello che gli può dare pace è solo il nulla. Le certezze del Nero, efficace predicatore, sembrano schiaffi che rimbalzano senza toccare l’animo del freddo nichilista, fino all’esaurimento del primo, che non può impedire all’altro di andarsene, anche se avrebbe tanto voluto accompagnarlo, come un angelo custode, per impedirgli di riprovarci ancora.
Un’ottima prova per i due attori (dove andrebbe rivisto l’attimo in cui si accende la musica nel finale), visibilmente emozionati dal successo di una pièce partita in sofferenza, per qualche posto vuoto fra il pubblico. Si rifaranno, sicuramente.
Ora a domani sera e a lunedì, per ‘Figli di un Dio minore’. Inizio spettacoli sempre alle 21.30 (info: www.festivalverezzi.it; nella foto di Gabriele Gelsi, Lupano e Mazza).

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: