lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Attualità > Finale: messa in sicurezza del Rio Pora presso le aree ex Piaggio

Finale: messa in sicurezza del Rio Pora presso le aree ex Piaggio

E’ stata avviata, in Regione, la procedura di “screening” ambientale per il progetto di messa in sicurezza idraulica del torrente Pora, a Finale Ligure, nel tratto tra il ponte di via del Sagittario e la foce. Il progetto è stato elaborato dallo Studio Galli Ingegneria di Padova e dallo Studio Maione Ingegneri Associati di Milano per conto della società Finalmare e irentra nel contesto della sistemazione urbanistica delle  aree ex Piaggio, che in quel tratto costeggiano la sponda destra del Pora.

Le opere previste riguardano l’adeguamento, con ampliamento, delle sezioni idrauliche e dei ponti di attraversamento del corso d’acqua, la nuova profilatura con l’abbassamento del fondo dell’alveo ed il suo allargamento, oltre all’innalzamento di alcuni muraglioni. Non si è voluto ricorrere a scolmatori, opere più invasive e onerose, e al tempo stesso la soluzione degli interventi di progetto è stata favorita dalla possibilità di utilizzare parte delle aree Piaggio a diretto contatto con il torrente.

Le opere più impegnative e che si stima comportino, esse sole, una spesa di 6,5 milioni di euro, riguardano la demolizione del ponte Bailey di via Sagittario, posato “provvisoriamente” più di 40 anni fa (230 mila euro), la demolizione del ponte sulla via Aurelia (470 mila euro) e la demolizione del viadotto della ferrovia (790 mila euro). Al posto del Bailey sarà costruito un nuovo ponte più a valle, in corrispondenza con via Ippolito Nievo (910 mila euro). La via Aurelia sarà spostata leggermente a monte e scavalcherà il Pora con un nuovo ponte (1,3 milioni di euro) mentre il viadotto ferroviario sarà ricostruito in sede ma allargato con una sezione in più. Caratteristica dei nuovi attraversamenti sarà l’assenza di opere di sostegno fondate in alveo e quindi sarà l’eliminazione del rischio che qualche grosso detrito possa ostruire la luce dei ponti, causando esondazioni. Lo “screening” del progetto è finalizzato a stabilire se sarà necessario procedere ad un’eventuale procedura di valutazione dell’impatto ambientale. Che ne sarà dei pregevolio edifici industriali dello stabilimento Piaggio? Nessun piagnisteo si ascolta e nessuna valutazione di impatto demolizione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *