Un “atto di impegno” è in corso di definizione tra i comuni di Vezzi Portio, Orco Feglino e Finale Ligure per giungere alla stipula di una convenzione con l’Amministrazione provinciale allo scopo di realizzare lavori di allargamento della sede stradale e per l’eliminazione delle strettoie pericolose lungo la strada provinciale n.8 Finale Ligure – Vezzi Portio – Spotorno, recentemente interessata da movimenti franosi che ne avevano bloccato la transitabilità.

Gli interventi da attuare si concentrano tra il km 17,800 e il km 18,250, in corrispondenza di un edificio di proprietà del comune di Finale Ligure dove si trova la stazione di pompaggio dell’acquedotto comunale. Già all’inizio del 2008 la Provincia aveva predisposto un progetto preliminare, per un importo di 575 mila euro, che prevede l’allargamento lato monte della sede stradale attraverso la parziale demolizione dell’immobile comunale. La successiva conferenza dei servizi si era chiusa con il rilascio dell’autorizzazione a intervenire, nel gennaio del 2009. Ma i lavori non erano stati effettuati in quanto i fondi a disposizione avevano dovuto essere dirottati su due successive emergenze avvenute, sull’Aurelia, a Capo Noli. L’iter dell’iniziativa è ripartito con una revisione del progetto originario, con aggiornamento della spesa prevista (785 mila euro). L’intervento nel frattempo è stato inserito tra quelli finanziabili attraverso il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale che, attraverso la Regione, ha consentito di reperire risorse per 350 mila euro. Al resto provvederà la Provincia (335 mila euro) e il comune di Finale Ligure (100 mila). Quest’ultima tranche è stata ulteriormente ripartita – di qui la necessità di sottoscrivere l’atto di impegno – tra i comuni di Finale Ligure (25 mila euro), Orco Feglino (7 mila), Vezzi Portio (18 mila) e alcune aziende private che utilizzando per la propria attività d’impresa la strada provinciale n.8 hanno manifestato la disponibilità a contribuire con 50 mila euro. Con il quadro finanziario completato, i lavori dovrebbero ora (finalmente) andare in cantiere.