giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Finalmente, ecco il colpevole!

Finalmente, ecco il colpevole!

Le disgrazie ormai non esistono più. Qualunque evento nefasto deve avere per forza un colpevole, dalle alluvioni assassine, ai terremoti non annunciati con congruo anticipo da chi di dovere, su, su fino ai tanto conclamati, quanto indimostrati, “cambiamenti climatici di origine antropica”, passando per gli orsi bruni allergici all’anestesia ed i novantenni che muoiono di malattia (eclatanti casi, rispettivamente, di maltrattamento degli animali e di malasanità). Insomma, se il clima va a schifìo, anche se si tratta di normali cicli millenari, la colpa è dell’uomo, autentica pustola del mondo, secondo la suggestiva definizione degli ambientalisti più puri. Beh, si fa presto a dire “colpa dell’Uomo” inteso come genere umano, insomma è meglio distinguere: proprio colpa di tutti gli uomini, certamente non è. Intanto, giusto per non sembrare razzisti, diciamo che siamo tutti uguali, bianchi, neri, gialli, cristiani, buddisti, musulmani, terroni e leghisti (no, i leghisti no, loro sono diversi perché sono razzisti e ce l’hanno duro) e chi più ne ha più ne metta, con le uguaglianze verticali, orizzontali, trasversali e di sbieco. In questa orgia di eguaglianza cosmica – in cui anche i marziani, se finalmente si palesassero in modo ufficiale alle autorità costituite (previa comparsata nel salotto della De Filippi), sarebbero accolti semplicemente come testimoni di un’esperienza diversa – il razzismo che è insito nella natura degli animali e specialmente nelle fulgide teste degli egualitaristi “senza se e senza ma”, alla fine rispunta, seppure in forme diverse. Insomma, parlare del genere umano, complessivamente inteso, non va bene. Non va bene perché le donne (ancorché dominanti in vari settori, dalla scuola agli ospedali, dagli uffici pubblici ai mezzi di comunicazione), sono dannatamente discriminate e quindi bisogna istituire dei sistemi di protezione di questo genere oppresso e forse in via di estinzione per via dei “femmincidi” e della perversa oppressione maschilista. Non va bene, perché gli omosessuali, i trans e tutti coloro che non condividono le antiche ed ormai obsolete pratiche eterosessuali, sono a loro volta discriminati ed emarginati. Non importa poi il fatto che la storia sia zeppa di grandi personalità che, in ogni epoca, quando intelligenti e capaci, ancorché omosessuali, sono emerse senza tanti problemi e distinguo sessuologici. Non va bene, perché i giovani, che da specie in rapida evoluzione e destinata (con il placet, o meno, dei sindacati) ad un turn-over ineluttabile, sembrano ora diventati una sorta di specie statica, inerme ed incapace di badare a se stessa, quindi da proteggere. Non va bene, perché tutti coloro che appartengono al terzo e quarto mondo, anche se magari vivono sopra un oceano di petrolio, ma non riescono ad andare d’accordo tra di loro e si dissanguano in infinite guerre fratricide, sono persone da proteggere ad ogni costo, scafisti compresi, a quanto sembra leggendo le cronache.
Non va bene, perché i musulmani ed i fedeli di ogni religione che non sia quella cristiana, sono discriminati da noi occidentali (non dimentichiamoci i dispiaceri che demmo loro con le crociate e giù giù, fino a Lepanto e Vienna ed ora in Iraq). Essi hanno quindi diritto ad essere moralmente risarciti con una dichiarazione di uguaglianza di tutte le Fedi, che però, a quanto pare, solo i cattolici propugnano con insistenza. Sperando in cosa, poi? In una maggiore clemenza da parte dei tagliagole? Ora, il certamente futuro Santo, Papa Francesco, ha cominciato a dire che la categoria degli anziani va (giustamente) protetta, oltre ai bambini, alle donne ed ai giovani (degli omosessuali e dei pedofili non ha parlato: forse, di questi tempi, si può intuire il perché). Quest’ultima sconvolgente rivelazione non lascia scampo: allora di chi è la colpa di tutto?  Qualcuno sarebbe tentato di insistere dicendo che è ancora di Berlusconi. Mannò, cari, ormai anche lui – per raggiunti limiti di età e grazie all’intercessione di Papa Francesco – è entrato in una delle fasce protette, o meglio, da proteggere. Allora, eseguendo una semplice operazione matematica sugli insiemi, come l’insegnano ormai anche all’asilo, si trova immediatamente il colpevole: maschio, bianco, adulto, eterosessuale, originario di un Paese Occidentale, di tradizioni e cultura cristiane. Ivi compresi i poveri e gli indigenti, nel caso in cui siano autoctoni. Ora che abbiamo finalmente individuato il Colpevole Universale, cosa ne facciamo? Beh, anche i colpevoli, anzi, soprattutto loro, nella nostra infinita, languida ed ipocrita soccorrevolezza universale, sono frutto di una società perversa, mica vorremo criminalizzarli?  E allora? Beh, allora siamo un branco di deficienti ipocriti, inclini al suicidio.

Emilio Barlocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *