martedì, novembre 20, 2018
Home > Attualità > Fiori commestibili: da ottobre ad Albenga

Fiori commestibili: da ottobre ad Albenga


di Giorgio Siri - 25 settembre 2017, 9:30

La begonia sembra un po’ al limone e la bocca di leone ha un po il sapore della cicoria. E il nasturzio? Ricorda il ravanello, mentre la borragine ha il sapore del cocomero e la calendula dello zafferano. Pur tra qualche differenza e diffidenza, sta prendendo campo, per non dire che è di moda, da parte degli chef, inserire nei menù una discreta, per non dire grande, varietà di fiori eduli, ovvero di fiori che si possono mangiare. Ad attirare l’attenzione sui fiori come alimento è il fatto, dimostrato, che gran parte di questi fiori hanno delle proprietà antiossidanti davvero notevoli, come la frutta e la verdura, ma è anche la moda e la tendenza, diciamo la verità! Più il fiore è colorato tanto maggiori sarebbero le proprietà antiossidanti che possiede, quelle che servono a combattere i radicali liberi, limitando malattie e invecchiamento: si sarà forse finalmente trovata la pozione magica cercata per millenni, panacea di tutti i mali ed elisir di eterna giovinezza?
Comunque, il fiore edule si sta trasformando da argomento di studio in business, tanto che nell’ambito del programma transfrontaliero europeo Alcotra è in corso di attuazione il progetto Antea, per lo sviluppo di attività innovative per lo sviluppo della filiera del fiore commestibile. Tra i protagonisti del progetto è il Cersaa, centro di ricerca e sperimentazione agricola della Camera di Commercio Riviere di Liguria, che tra le varie iniziative organizzerà lunedì, 16 ottobre, nella propria sede di Albenga un workshop sui “Fiori commestibili, dall’idea al progetto”.
In un incontro che si svolgerà nell’arco di tre ore, dalle 15 alle 18, i produttori potranno prendere contatto con Antea ed assistere alla presentazione della filiera, relatrice sarà Barbara Ruffoni; verranno inoltre confrontati i sistemi di coltivazione, a cura di Federico Tinivella e un approfondimento, a cura di Giovanni Minuto, sarà dedicato allo stato della commercializzazione. Ampio spazio, ovviamente, agli interventi degli stessi floricoltori su argomenti quali le tipologie di prodotti, il confezionamento e il marketing.
Chissà se qualche fiore, e ci sarà senz’altro, potrà essere utilizzato per preparare u “tuccu”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *