lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > "Fiorita come la lussuria"

"Fiorita come la lussuria"


di - 6 Febbraio 2012, 10:12

Mercoledì 8 febbraio 2012 alle ore 17.30 presso la Stanza della Poesia di Palazzo Ducale, in piazza Matteotti a Genova, Ksenja Laginja leggerà versi di Joyce Mansour da “Fiorita come la lussuria”, unica raccolta poetica tradotta in italiano. “Ho scelto di leggere Joyce Mansour sopra a tutte le altre voci poetiche – ha dichiarato Ksenja Laginja – che continua “leggere i suoi versi è come essere catapultati in un mondo di parole fatte di carne viva e pulsante, sangue in bocca.

La parte femminile del surrealismo, è il mio omaggio alla sua poetica quasi sconosciuta in Italia. Un modo per dirle che la sua parola è ancora viva, nonostante il tempo…”

Ksenja Laginja, nata a Genova, nel 1981 è artista impegnata nella ricerca poetica e delle contaminazioni in campo musicale e visivo. La sua ricerca artistica attraversa il disegno, la scrittura e la performance. Co-fondatrice del progetto “Cani dall’inferno”, dal 2004 organizza reading poetici. Alcuni suoi testi sono presenti su diverse antologie e riviste letterarie. Con le sue opere ha partecipato a esposizioni personali e collettive. Nel 2010 è arrivata finalista al Concorso Nazionale “La stanza delle Memorie”.
L’omaggio sarà reso a Joyce Patricia Ades che nacque ad Bowden, in Inghilterra, nel 1928. I suoi genitori risiedevano però abitualmente a Il Cairo, dove la famiglia Ades faceva parte da diverse generazioni della numerosa colonia britannica. Dopo gli studi secondari svolti in Svizzera e Inghilterra, Joyce rientra quindi in Egitto. Nel 1947 suo marito, colpito da un mare incurabile, muore dopo appena sei mesi. Nel ’49 si risposa con Samir Mansour della comunità francese. La nuova coppia comincia allora a spostarsi tra Parigi e Il Cairo, e Joyce s’inizia alla cultura francese assimilandone la lingua da autodidatta. Nel ’53 pubblica a Parigi la sua prima raccolta di poesie, “Cris” attirando da subito l’attenzione dei surrealisti. Sarà l’inizio di una parabola creativa che si esaurirà soltanto nel 1986, allorquando la scrittrice angloegiziona muore per un tumore al seno.
Scrisse di lei Claude Courtot, membro del gruppo surrealista: “Avevo fatto la conoscenza di Joyce e di Breton nel 1964. Al caffè La promenade de Venus, lei si sedeva sulla panca in fondo alla sala, sotto il grande specchio, in modo da essere di fronte a Breton (…) chiedeva regolarmente del rum e fumava un sigaro enorme che, per uno strano contrasto, rendeva ancora più femminili i tratti del suo viso di bambola bruna dagli occhi attraenti come pozzi…”

Lgg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *