mercoledì, Luglio 17, 2019
Home > Attualità > FIVL: Quaglieni a Savona per Mauri. Giorgio Siri incontra Leonardo Sassetti.

FIVL: Quaglieni a Savona per Mauri. Giorgio Siri incontra Leonardo Sassetti.

di Redazione

Quaglieni a Savona per Mauri

mauri

Invito

Savona. Giovedì 1° dicembre alle ore 17.30, presso la Sala Rossa del Comune di Savona, c.so Italia 19, presentazione della riedizione del libro della M.O.V.M. Maggiore degli Alpini ENRICO MARTINI MAURI, capo del 1° Gruppo Divisioni Alpine nella Resistenza, “PARTIGIANI PENNE NERE” edizioni del Capricorno, rif: http://www.edizionidelcapricorno.it/product/partigiani-penne-nere/ .

L’evento gode del patrocinio della Città di Savona ed è organizzato dal Centro Pannunzio, dalla Co.Armi, dall’Ass. Naz. Alpini e dall’ISREC. Con l’autore della prefazione al libro, lo storico contemporaneista Prof. Pier Franco QUAGLIENI, interverrà il Sindaco di Savona avv. Ilaria CAPRIOGLIO. Seguirà dibattito. La cittadinanza è caldamente invitata a intervenire. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Giorgio Siri incontra Leonardo Sassetti ad Acqui Terme

20161127_115435

Giorgio Siri,  a sx, stringe la mano a  Leonardo Sassetti

Acqui Terme. Domenica 27 novembre è stato commemorato l’88° DI FONDAZIONE DEL GRUPPO ALPINI ACQUI TERME. Era presente il giornalista Giorgio Siri che ha incontrato ed intervistato il Reduce di Russia Leonardo Sassetti.

Leonardo Sassetti, nato a Spigno Monferrato il 16 novembre 1921, fu chiamato alle armi e divenne sergente del 1° Reggimento della divisione Cuneense, Btg. Ceva (nel 1941), Plotone mitraglieri, Squadra Mortai da 45. Fu premiato al corso di lingua tedesca, e poi con tanti altri giovani di leva partì per la campagna di Russia. Nel  gennaio 1943 era a Nikolajewka, come sergente mitragliere del battaglione Ceva. Deportato il 9 settembre 1943 ed internato nel campo per prigionieri di guerra di Breme Wurde (Amburgo), nel campo di lavoro di Gestalt e di Molln (fra Amburgo e Lubecca) e nel campo di prigionia di Lubecca fino al 28 agosto 1945. Congedato con il grado di sergente maggiore. E’ tra gli insigniti delle Medaglie d’onore, concesse dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri a cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra. E’ in attesa, attraverso il Centro XXV Aprile, di un importante riconoscimento da parte della Federazione Italiana Volontari della Libertà, FIVL, (Eretta in Ente Morale D.P.R. n° 430 del 16-4-48), che raccoglie fra le proprie fila Partigiani, Patrioti, Combattenti della Campania di Liberazione e Reduci dalla deportazione e coloro che si riconoscono nello spirito della Resistenza, valorizzandone il patrimonio morale, mantenendo fede agli ideali di indipendenza, di libertà democratica e di civiltà propugnatí nella Lotta di Liberazione.

Giorgio Siri, classe 1958, nativo di Celle Ligure, da sempre impegnato in ambito socio-culturale, estimatore della storia della musica e dell’arte, noto per i suoi interventi giornalistici (cronaca e critica) nell’ambito di varie testate, su carta e online, fa parte della Compagnia teatrale Sipario Cellese ed è accreditato, quale recensore, presso il “Circolo degli Artisti” di Albissola, il quale sin costituzione, negli anni ‘50, declina la cifra della colonia di grandi artisti, a livello europeo, che avevano scelto Albisola come tappa o addirittura meta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *