venerdì, agosto 17, 2018
Home > Attualità > Flavio Caroli ad Albissola Marina

Flavio Caroli ad Albissola Marina

Ettore Gambaretto ospite del noto storico dell'arte ravennate


di GIORGIO SIRI - 5 agosto 2018, 21:15

Ieri sera, sabato 4 agosto, alle 21,15, l’incantevole sagrato della Chiesa della Concordia, ad Albissola Marina, ha ospitato un evento di assoluto rilievo, ovvero una “Lectio magistralis” di Flavio Caroli, storico dell’Arte e critico, reso noto al grande pubblico per essere stato ed essere ospite fisso della trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa” .

Caroli ha parlato del suo libro  “L’arte italiana in quindici week end e mezzo” (Mondadori). L’iniziativa rientra nel contesto del Festival “Parole ubikate in mare”, in collaborazione e con il Patrocinio del Comune di Albissola Marina. Senza smentirsi, Caroli è capace di accostare saggistica e narrativa e, nei “Quindici week end e mezzo”, instaura un dialogo con un’amica di vecchia data  e la conduce, per il periodo del titolo, alla scoperta di grandi artisti, monumenti fra i più noti o gioielli nascosti dell’arte italiana, da quella fondamentale a quella poco conosciuta che, non per questo, come spesso accade in tutti i campi artistici,  non riveste, spesso, un notevole interesse, rivelando apporti straordinari ed originali se non proprio imprescindibili. Passeggiando per i centri storici o raggiungendo musei fuoriporta, attraverso un racconto ricco di immagini e di personaggi, Caroli ci apre la strada per riuscire a comprendere veramente il patrimonio artistico della nostra Italia.

Il polo albisolese si conferma erede della sua tradizione e di essa continuatore e rimane in primo piano nel panorama culturale ligure e non solo; in più sono ufficialmente iniziate le manifestazioni espositive in occasione del cinquantesimo aniversario della morte di Lucio Fontana.

Si deve a Caroli la fondazione di una corrente artistica postmodernista: “Magico Primario” – 1980 – che teorizza un superamento delle “Avanguardie” nel recupero delle varie esperienze figurative del novecento col ritorno ai valori della “Bellezza” e della “Seduzione”.

Caroli ha incontrato, nel corso dell’evento, Ettore Gambaretto, artista ed organizzatore di eventi ormai noto,con la “Casa delle Arti”, nel panorama artistico albisolese. Gambaretto aveva presengato una sua interessante rassegna, a fine inverno, presso il Bar Camilla di Albisola, uno dei due “Caffè degli Artisti”, col Bar Dolci Incontri. Da una splendida forma di cavallo, richiamo della strordinaria arte del padre o delle reminiscenze di Sassu, ai segni “esoterici” a lui cari, Gambaretto esponeva intessantissimi piatti, che confermano la sua sorprendente vena eclettica.

Successivamente Gambaretto ha partecipato al Premio Internazionale Cristoforo Colombo ed è stato fra i premiati del Teatro di Sissa, a Parma. Una sua enigmatica “Piramide di Cheope”, presentata nelle occasione lo può porre, artisticamente, tra surrealismo e sperimentalismo postmoderno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *