Attualità Cultura | 19 maggio 2017 - 18:10

Fonte Anthia a Peagna di Ceriale…luogo da non abbandonare

di Giorgio Siri

“Il pontino e il sentiero che portano all’antica fonte Anthia in frazione Peagna sono in stato di totale abbandono”. Lo denuncia ancora Luigi Giordano, consigliere della Lista Civica “Voi”.

Spiega Giordano: “La leggenda della bella e ricca ragazza greca Anthia, che si lasciò morire a causa di un amore tormentato e fu trasformata in una fonte dagli dèi magnanimi, è stata negli anni riproposta dal professor Franco Gallea, attento studioso della storia ligure e delle sue tradizioni. Quindi, visto che Ceriale ha la fortuna di possedere una storia così bella, perché non valorizzarla al massimo a scopo turistico e soprattutto perché lasciare che le vie di accesso alla fonte, come il ponticello e il sentiero, muoiano proprio come la fanciulla della leggenda, soffocati da erbacce e sterpaglie?”

Conclude Giordano: “Tutta Peagna è un patrimonio che andrebbe adeguatamente promosso e potrebbe diventare un fiore all’occhiello per l’intera Ceriale. Inoltre abbiamo la fortuna di avere un’ala di Casa Girardenghi che ospita gli studenti di Architettura dell’Università di Genova. Perché non affidare alla loro sensibilità di architetti un piano di valorizzazione adeguato? Esso servirebbe a ritrovare quella che lo psicoterapeuta Carl Gustav Jung chiamava ‘Anima loci’, cioè la vera anima di un luogo, con la sua energia e la sua identità.

Tante sono le cose che si potrebbero fare per rilanciare Peagna: da un parcheggio per handicappati che renda l’accesso al teatro più fruibile ai disabili, a nuove iniziative di valore culturale nel teatro stesso, fino a pensare a piccoli interventi di pubblica utilità come toilette pubbliche per chi vuole affrontare i sentieri o aree pic-nic degnamente attrezzate in panoramica, per evitare che i polmoni verdi di Ceriale vengano trasformati in discariche a cielo aperto dall’incuria di qualche maleducato”.

La presa di posizione di Luigi Giordano ci deve far riflettere sul valore del “piccolo patrimonio” cha va salvaguardato con amore!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *