lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Attualità > Forni crematori a Savona. Il cinquestelle Manuel Meles: “Danno e beffa per i cittadini”

Forni crematori a Savona. Il cinquestelle Manuel Meles: “Danno e beffa per i cittadini”


L'attacco: "La Lega non ha nessun peso all'interno della maggioranza"


di Michael Traman - 6 dicembre 2017, 20:39

Con l’approvazione della proposta avvenuta oggi in giunta, la maggioranza di centrodestra ha deciso di avviare la finanza di progetto per selezionare un privato che metterà le mani sui forni crematori per vent’anni, potendosi così assicurare succulenti introiti che impoveriranno il Comune”, afferma Manuel Meles, classe 1992 e capogruppo in Consiglio Comunale del Movimento Cinque Stelle, che ha poi continuato: I forni crematori sono l’unico servizio pubblico che porta utili al Comune di Savona, peraltro consistenti: affidare al privato la gestione e ristrutturazione degli impianti significa privare l’Ente di entrate che, soprattutto con le difficoltà bilancio, aiuterebbero il comune a respirare. Difatti in questo modo otterremo solo una piccola percentuale del volume di entrate che il servizio genererà”.

Una danno anche per i cittadini savonesi secondo il rappresentante di spicco dei pentastellati: “Per i cittadini, oltre al danno di perdere in circa vent’anni una cifra stimabile tra i 5 e gli 8 milioni di euro, anche la beffa dell’incremento delle tariffe di cremazione, cui dovrà essere applicata l’IVA al 22%, mentre con la gestione diretta da parte del Comune non verrebbe applicata”.

Alla domanda di come si sarebbero mossi risponde non risparmiando la Lega: “Noi abbiamo sempre sostenuto un intervento pubblico per la sistemazione dei forni crematori e abbiamo individuato anche alcune possibilità di finanziamento diretto da parte del Comune. In subordine ci sarebbe ancora la possibilità tecnica, confermata anche dal dirigente in commissione, di accendere un mutuo per sostenere gli investimenti. Abbiamo perfino appoggiato una proposta del PD in commissione (che nella passata consiliatura ha sostenuto una possibile privatizzazione del servizio) che prevedeva di sollecitare la regione ad avviare una programmazione regionale e di accendere un finanziamento con Cassa Depositi e Prestiti. La maggioranza ha sempre respinto le proposte e sostenuto che il privato fosse l’unica opzione percorribile, ovviamente smentita dai fatti e dai numeri. Da non dimenticare che mentre nella commissione di ieri, insieme alle altre opposizioni, abbiamo provato a ribadire la necessità di una gestione pubblica del servizio, la proposta di delibera era già pronta e infiocchettata: una colossale presa in giro nei confronti dell’intelligenza dei consiglieri presenti. La Lega, che negli anni scorsi ha sostenuto la necessità del mantenimento del servizio in capo al comune, è rimasta silente e succube delle scelte dell’assessore Montaldo: il loro silenzio su questo tema è emblematico e dimostra quanto la Lega non abbia, nonostante i numeri, alcun peso politico all’interno della maggioranza. Qualcuno sta pregustando di accaparrarsi la ricca torta, mentre i cittadini savonesi vedranno tradite le promesse elettorali di chi ha vinto le elezioni promettendo grandi cambiamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *