martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > Fra i tre litiganti Trenitalia gode

Fra i tre litiganti Trenitalia gode

Le polemiche politiche non aiutano il confronto con le Ferrovie

Due giorni soli dopo il comunicato in cui Trenitalia ha annunciato, o ha avuto la faccia tosta di affermare, secondo i punti di vista, che le proprie performances in Liguria sono state eccellenti, è trascorsa, ieri, un’altra giornata che il consigliere regionale del partito Democratico, Giovanni Lunardon, ha definito: “..l’ennesima giornata nera per i trasporti ferroviari liguri”, proseguendo, in polemica con l’assessore regionale ai trasporti Gianni Berrino, “…prendiamo atto delle imbarazzanti parole dell’assessore Berrino, che pur sostenendo che la situazione sia ormai sotto controllo, non sa neppure quando potranno ripartire i treni. Non è più possibile tollerare che la rete ferroviaria della nostra regione vada in tilt ogni volta che piove. È lo stesso copione della sanità. Ogni inverno la Giunta ligure si stupisce che arrivi l’influenza e si fa trovare sistematicamente impreparata e così appena arriva un temporale un po’ più forte i treni vengono cancellati o accumulano ritardi di due o tre ore”.
La capogruppo regionale Alice Salvatore aggiunge: “L’intera Liguria è stata bloccata dalla pioggia. La circolazione dei treni ha subìto devastanti ritardi su tutta la linea e migliaia di passeggeri sono così rimasti fermi nelle stazioni senza informazioni e indicazioni sufficienti. Ad Arenzano e Voltri si sono registrati i disagi peggiori, con gli unici mezzi circolanti presi d’assalto dai passeggeri”. E ancora più polemicamente di Lunardon, così si è di seguito espressa:”In conferenza stampa oggi il Governatore Toti, con la felpa della protezione civile come gli ha insegnato ‘babbo Salvini’, ha detto che in realtà è andato ‘tutto bene’, che ci sono stati sì dei problemi ma tutto sommato ‘contenuti’ e la Regione ha reagito correttamente. Secondo lui oggi sono cadute quantità di pioggia mai viste”.
E ancora, continua Alice Salvatore: “Quando i treni non funzionano, una prima soluzione è quella di aumentare il numero di autobus. Attualmente, il contratto con Trenitalia prevede la fornitura di mezzi alternativi in caso di gravi ritardi o cancellazioni, ma il numero di autobus a disposizione è ridicolo e non basta a soddisfare le esigenze dei liguri. Ad esempio, i pendolari fermi a Savona non hanno potuto contare su nessun autobus che li portasse da nessun’altra parte della Liguria”. E afferma, inoltre, senza mezzi termini:” Sospendiamo i pagamenti a Trenitalia fino a che essa non si presenta a un incontro con la Regione”.
L’ultimo grande disguido in cui si ricorderà essere incorsa Trenitalia prima di ieri, nella nostra regione, era stata la famosa, o famigerata, giornata del 16 agosto, con la soppressione di un numero di treni senza precedenti – d’altronde gli appartenenti al personale delle Ferrovie divenuti papà o mamma, dovevano festeggiare il lieto evento e pertanto si erano assentati, come aveva precisato Trenitalia e lo ripeteremo fino al tedio -; in quell’occasione i vertici regionali giustamente aveva preteso spiegazioni, senza peraltro ottenere risposta da parte di Trenitalia, e proprio l’assessore Berrino aveva fatto sentire la sua voce richiamando il famoso contratto di servizio; ieri, invece, per attestarsi contro il PD ed il Movimento Cinque Stelle, da parte della Giunta Regionale si è tenuto un atteggiamento più morbido. L’Assessore Berrino ha richiamato, e con ragione, i due esponenti dell’opposizione affinchè”…si attivassero, attraverso i loro colleghi di partito, per chiedere al loro governo di investire nel Terzo Valico, nel nodo di Genova, nel raddoppio della linea a Ponente e per sistemare definitivamente la rete ferroviaria ligure, una rete internazionale di grande importanza.” Poi però ha tenuto ad affermare: “Oggi non c’è stato alcun disservizio creato da Trenitalia e riconducibile al contratto di servizio ma la grande quantità di pioggia che ha colpito a macchia di leopardo alcune zone della nostra regione ha reso impraticabile in alcuni punti la rete ferroviaria. Basterebbe vedere le foto delle gallerie e dei sottopassi allagati: Trenitalia nonostante ciò ha cercato di garantire i treni e di sostituirli con gli autobus laddove essi non sono riusciti a partire”.
In realtà, tenendo nel dovuto conto i disagi dovuti alle condizioni meteorologiche, Trenitalia è di nuovo incorsa in un disguido che mette in luce l’inefficienza in cui ricade, sotto taluni aspetti, non sotto tutti, e cui non riesce a porre rimedio, con l’odiosa aggravante di non dare risposte e di mantenere il silenzio mentre ieri, un coro generale, lamentava ritardi e difficoltà, che ci sono stati e che sono sorprendenti perchè non è vero che nella giornata di ieri le precipitazioni sono state più forti di altre volte, salvo poi diffondere comunicati ottimistici sui successi raggiunti nel traffico regionale, come appunto mettevamo in rilievo due giorni fa’ e su cui sarebbe meglio essere più cauti! E ciò dovrebbere essere messo in chiaro innanzi tutto dalla Giunta Regionale, come per il giorno 16 agosto, e non sacrificato per contrastare l’opposizione, ora unita, di PD e Movimento Cinque Stelle; in tale contesto, Trenitalia continuerà a sfuggire alle proprie responsabilità, adesso con una scusa in più, approfittando delle liti politiche! Così sembra cheIn tilt, invece che i collegamenti ferroviari regionali, ci siano andate le teste dei nostri politici liguri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *