“Savona è una città dove vivono moltissimi anziani, spesso soli, tante famiglie con cani (7.900 iscrizioni all’Anagrafe canina dell’ASL2) e gatti (oltre 9.000), molte altre persone con gravi problemi di salute e dove si trovano un grande ospedale e una decina di strutture di ricovero di persone malate, anziane o disabili (residenze protette e residenze sanitarie assistite); e tanti animali selvatici”, inizia così il comunicato stampa dell’Enpa di Savona, che, con più di un mese d’anticipo, punta il dito contro i classici fuochi d’artificio per i festeggiamenti di fine anno.

In realtà, non viene condannata l’idea dei fuochi in quanto tale, ma il rumore da essi provocato. La proposta alternativa è quella di seguire il modello torinese: “Si tratta di cittadini e animali che mal sopportano i decibel creati dai fuochi artificiali; per venire incontro ai desideri di tutti, sia di chi non li sopporta che di chi li apprezza, molti comuni, tra cui recentemente Torino, hanno sfruttato la moderna tecnologia e scelto sistemi all’avanguardia, quali fontane o droni luminosi che illuminano silenziosamente il cielo, destando meraviglia pari o superiore ai rumorosi fuochi ‘tradizionali'”.

Per dare concretezza alle proprie idee, la Protezione Animali, in collaborazione con il locale Comitato Aree Canine, ha consegnato nei giorni scorsi al Comune di Savona circa 500 firme raccolte tra i cittadini savonesi, che chiedono ufficialmente al sindaco Caprioglio di proibire i fuochi tradizionali e si augura che anche gli sponsor insistano su questa soluzione, che eviterà di metterli in una cattiva luce agli occhi dei tanti cittadini contrari.

Si sottolinea, infine, come molti comuni della nostra provincia abbiano già effettuato delle scelte “animal friendly”: “Ad ogni manifestazione, si verificano fughe di cani e gatti terrorizzati e che spesso non vengono più ritrovati o muoiono investiti dalle auto; senza contare i volatili che ormai vivono in città e che solo in parte si stanno abituando (colombi, tortore, passeri, merli, storni, cornacchie, gabbiani, taccole, rapaci), alcuni dei quali vengono trovati morti o sono soccorsi dai volontari dell’Enpa il giorno dopo, per ferite, spavento o fatica nell’estemporanea fuga dai posatoi. Anche per questo i fuochi sono stati proibiti, in provincia, da molti comuni: Altare, Bardineto, Boissano, Borghetto S.Spirito, Borgio Verezzi, Giustenice, Magliolo, Millesimo, Pietra Ligure, Rialto, Roccavignale, Spotorno, Toirano, Tovo S. Giacomo, Villanova d’Albenga”.