Attualità

Gabbiani e delfini più vicini

L’associazione Menkab, per la ricerca nel Mediterraneo

In questi giorni di angustie, la comparsa inaspettata di qualche animale in spazi urbani o a noi più prossimi, ci sembra a volte comica ed a volte ci consola e ci stupisce come una visita della natura che ci propone sempre la sua infinita bellezza; che si tratti di cinghiali che scendono in città, cui si era già abituati o di gabbiani che raggiungono le colline, oppure di un branco di delfini che si avvicina al litorale, come è avvenuto ieri, domenica 5 aprile, nello spazio di mare antistante le Fornaci di Savona. Non è una rarità l’avvicinarsi dei delfini alla riva, nella specie della varietà dei “tursiopi” ma nelle presenti circostanze , si osserva qualcosa di più e di diverso come spiega Giulia Calogero, presidente di Menkab, associazione che si occupa di attività di ricerca scientifica e di educazione ambientale dedicate al Mar Mediterraneo: “…è plausibile pensare che si tratti di esemplari di tursiope,la zona di distribuzione di questi cetacei è molto vicino alla costa. Non è la prima osservazione del genere che riceviamo. Anche dal lungomare Europa, a Varazze, sono stati osservati dai pescatori locali anche in numero maggiore rispetto al solito.I tursiopi si stanno godendo in questo periodo un naturale silenzio per loro tanto quanto innaturale per noi. L’ennesimo segnale dalla natura che ci dovrebbe ricordare di trarre profitto da questa situazione per realizzare valutazioni e decisioni politiche che non portino a compromessi che potrebbero incidere maggiormente sulla tutela del territorio perché il rischio è che, quando si ripartirà in preda alla giusta e vitale necessità di ripristinare l’economia, si rischi di non osservare l’altrettanta giusta attenzione anche alla protezione dell’ambiente».
Il punto di vista dell’esperta conduce ad un’altra riflessione, da qualcuno formulata, ovvero che la chiusura di luoghi di commercio e di produzione, la limitata circolazione, la “sparizione” degli esseri umani che sono maggiormente chiusi presso le loro residenze, spingano ed incoraggino, ed in così poco tempo, la natura e gli animali a riappropriarsi di spazi o ad acquisirne di nuovi, dove l’uomo manca provvisoriamente. Segno che la presenza umana sul Pianeta, pur così fondamentale, significativa, caratterizzante è soggetta pur sempre a quella labilità ed a quella transitorietà che, al pari dell’affermazione incondizionata, sono parte costitutiva della natura e dell’essenza umane!
Molti sperano che, passata la terribile emergenza che ci ha colpito, si riparta tenendo conto dei principi e della diffusione della green economy, a livello nazionale come nell’intero pianeta, con tutti i corollari che tale nuova forma di sviluppo comporta.

Menkab – è il nome di una stella, detta anche Alpha Ceti, è la seconda più luminosa della costellazione della Balena, il nome deriva dall’arabo e significa “il buco della narice” o “sfiatatoio”, alludendo alla sua posizione nel disegno della costellazione – opera dal 2010 a sostegno delle attività di ricerca scientifica e di educazione ambientale dedicate al Mar Mediterraneo, con lo scopo di contribuire alla protezione del suo fragile ecosistema. Per raggiungere questo obiettivo l’Associazione Menkab collabora con Università italiane e straniere, altre Associazioni e Società che lavorano nel campo della comunicazione e della divulgazione scientifica.

L’avventura di Menkab comincia nei primi anni novanta grazie ad un accordo di collaborazione tra l’allora Dipartimento di Biologia dell’Università di Genova (DIBIO) e il Museo Oceanografico di Montecarlo. Il direttore del Museo, Professor François Doumenge, affidando l’incarico di valorizzare le collezioni storiche e di sviluppare nuovi progetti di divulgazione scientifica a Maurizio Würtz, allora docente del DIBIO, ha creato le condizioni per nuove sperimentazioni nel campo della comunicazione museale, ma soprattutto per avviare una serie di impegnative campagne di monitoraggio e documentazione sulla popolazione di cetacei del mar Ligure, proprio negli anni in cui si iniziava a porre le basi per il futuro Santuario Pelagos.

Nasce così il “progetto Menkab” grazie al quale, in soli due anni (siamo nel 2004), il Dipartimento di Biologia diventa un riferimento nazionale e internazionale per lo studio e la conservazione dei cetacei del Mediterraneo. Studenti di altri Atenei, italiani e stranieri, chiedono numerosi la possibilità di svolgere le loro tesi con impegnative attività in mare a bordo di Menkab, che da quell’anno inizia a svolgere un vero e proprio ruolo di “nave scuola” su cui, negli anni, si sono formati molti ricercatori che oggi, in Enti pubblici e privati oltre a ONG internazionali (es. ISPRA, CIMA, RAC/SPA, IUCN, varie Università italiane e straniere, ecc.), svolgono compiti scientifici e di monitoraggio dell’ambiente marino e dei cetacei .

Così dal sito dell’Associazione che si espressa sulla comparsa dei delfini; è di Savona ed ha sede in Lungomare Matteotti 1.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: