domenica, novembre 19, 2017
Home > Attualità > Gabriella Oliva, dalla semplicità alla complessità

Gabriella Oliva, dalla semplicità alla complessità



di Giorgio Siri - 8 novembre 2017, 17:55

Ritorniamo sulla mostra alla Scuola di musica, Cre Artis, terminata il 27 ottobre scorso, per alcune note su Gabriella Oliva, che condivideva l’esposizione con Beppe Ricci.

Gabriella Oliva è scultrice e pittrice, con una vocazione sottile, che sembra sfuggente, visti i soggetti vari ed ermetici, a volte, ma poi è calata concretamente proprio in ciò che, potremmo dire, sta alla base vera e propria della sua opera: il materiale, portandoci, con sottigliezza femminile, in un viaggio che parte dagli elementi e termina con immagini…

Gabriella Oliva sembra conoscere il segreto degli oggetti elementari che, assemblati insieme, divengono opere d’arte, riflesso del bello, espressioni dell’anima, quando non, simpaticamente, immagini ludiche, se non umoristiche; oppure l’autrice utilizza materiali pregiati, come l’onice pakistano od il marmo rosa del Portogallo per creare forme essenziali, di stilizzazione enigmatica ed attraente. Gabriella sembra trovare la stessa possibilità creativa tanto nella carta o negli oggetti di riuso quanto nei legnami e nelle pietre più esclusive, affidando, talvolta, alla diversità del materiale una diversità del messaggio che vuole trasmettere. Ora la carta, con il fascino dei collage infantili, di un’espressività spontanea, immediata, primigenia, che non esclude un utilizzo più complesso, di forte rappresentatività, ora la pietra, per raggiungere una definizione formale sofisticata, affascinante, di grande respiro, che qualcuno ha voluto approssimare all’opera di Archipenko. ma qualcosa potrebbe anche farci pensare ad Arp o a Brancusi, o forse, ancor più, allo scultore ligure contemporaneo Luigi Canepa; senonché l’immagine antropomorfa, nelle sculture di Gabriella, è più presente e catturante, pur non mancando forme astratte, dettate da un lirismo interiore e rammentanti, secondo i punti di vista, forme totemiche, arcaicizzanti. Altri, infatti, hanno pertinentemente voluto vedere, nella scultura di Gabriella, figure che provengono da lontano, riflessi di immagini ancestrali…Per ammissione dell’artista, espressa in altre circostanze, le sue figure femminile, eseguite in tempi diversi, vogliono rappresentare un’ interpretazione personale del suo essere donna, pertanto l’autrice affida alla sua scultura anche una referenza personale e biografica.

Nascono pertanto Silhouette, Attesa e Amina, quest’ultima immagine quasi sacrale, dai contorni essenziali, dalle linee di espressività intensa, pur nella semplicità mentre Attesa, un semplice torso acefalo, è carico di una tensione incredibile, pur nella mutilazione, ed irradia un senso di lacerazione spasmodica! “Dark Lady“, un’altra icona enigmatica, in cui il modo intrigante con cui è trattato il materiale collima con l’espressività dell’immagine, così come l’ispirazione ad antiche forme scultoree si abbraccia a qualche riferimento biografico, per cui ci appare tanto una scultura ancestrale quanto un simulacro di inquieta ed inquietante femminilità, con il volto stilizzato in due atteggiamenti diversi! Ed altro ci sarebbe, come Two Women, un’immagine più leggiadra, quasi danzante, per la quale il materiale utilizzato, come per Amina, è il legno cirmolo, un legname raro, remoto, come taluni rimandi che le sculture di Gabriella ci suggeriscono, o Women, un torso dove prevale, invece, la sensualità. Ben a ragione si può ritenere, pertanto, che l’arte di Gabriella Oliva sia rivolta verso la delineazione di un’idea femminile, protagonista, o fra i protagonisti, nella sua poetica.

Anche nella pittura l’autrice riporta lo stesso messaggio e si fa notare per la sottile allusione, l’espressività sorprendente, una linea decisa e forte, a volte, altrove cromatismi astratti, oppure accenni surrealisti od altre inquietudini che ci rivelano una personalità artistica multiforme, capace di cogliere la sofferenza e la leggerezza dell’anima e dell’esistenza! Una personalità creativa che dalla semplicità di talune proposte, sale, in climax, verso le complessità di una creazione scultorea impegnativa ed impressionante, consapevole che il nucleo, la semplice nota, contengono già un colpo d’ala che arriverà lontano!

Ci riserviamo comunque di approfondire, alla prima occasione, la conoscenza della sua opera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *